Le finaliste di .itCup: Bikeeper, l’antifurto per bici che arriva dalla Sicilia

Bikeeper è un dispositivo innovativo che combina antifurto GPS e rilevatore di collisione con sms di emergenza geo-localizzato. Tra i suoi vantaggi c’è la possibilità di ritrovare il mezzo in caso di furto e di ridurre i tempi di soccorso in caso di incidente.

Bikeeper è un dispositivo innovativo per incentivare l’uso della bici nei centri urbani aumentando la sicurezza sia del ciclista che del suo mezzo. Un obiettivo che può essere raggiunto tramite l’utilizzo di un dispositivo smart che combina antifurto GPS e rilevatore di collisione, con sms di emergenza geolocalizzato e con il vantaggio di poter ritrovare il mezzo in caso di furto e di ridurre i tempi di soccorso in caso di incidente. Bikeeper è tra le 10 finalsite della quinta edizione di .itCup, la startup competition di Registro .it dedicata ai progetti d’impresa nel settore ICT. 

bikeeper_foto

Diteci qualcosa di voi: cosa volevate fare da piccoli? Qual è il vostro percorso di studi? Quali sono state le esperienze che hanno cambiato la vostra vita?

Da piccoli volevamo fare i lavori più disparati: architetto, inventore, pilota,stilista,esploratore… insomma quando si è bambini grazie alla fantasia si cambia lavoro ogni giorno. La scelta universitaria ha determinato molto le nostre vite e i nostri percorsi professionali; la maggior parte del team ha seguito studi tecnici come ingegneria ma abbiamo anche laureati in economia e graphic design. Ognuno di noi ha un background di esperienze professionali e personali variegato ma creare BycareLab è sicuramente un’esperienza che ci sta cambiando la vita. Abbiamo creato qualcosa in cui voler investire le nostre energie.

team-bycare-lab

Come vi siete conosciuti? 

Siamo amici prima che colleghi. Ci conoscevamo già prima di questa avventura, chi dai tempi dell’università, chi addirittura dalle medie. Alcuni di noi si erano allontanati, ma le competenze maturate nel tempo intercorso e l’opportunità legata al progetto sono state il collante per riavvicinarsi. Mettere insieme professionalità e fiducia è stato un gioco da ragazzi.

Come vi vedete tra 10 anni?

Personalmente mi vedo ancora felicemente a capo dell’azienda. Vedo i componenti del team ancora coinvolti come parte attiva nella società, ognuno destinato a fare ciò in cui è più capace, avendo continua attenzione all’innovazione.

Chi ha avuto l’idea di Bikeeper? Vi ricordate cosa stavate facendo in quel preciso momento? 

L’idea ha una genesi particolare: durante una riunione avevamo raccolto una dozzina di idee interessanti che ci piaceva elaborare, tra cui un antifurto per bici, ma che fosse innovativo. La stessa notte ripensai all’idea e a come sarebbe stato utile se inglobasse funzioni per la sicurezza del conducente, non solo del mezzo. Quindi chiamai Angelo e glielo dissi… Ironia della sorte lui mi disse che mi stava per chiamare perché aveva avuto la stessa identica idea. A quel punto non potevamo che sceglierla!

Qual è il vostro punto di forza e qual è, in breve, il vostro business model?

Il modello di business è un ibrido tra B2C e B2B. Bikeeper è compatibile con la maggior parte delle bici in commercio per cui è facilmente vendibile all’utente finale. D’altro canto le funzionalità di sicurezza a 360° lo rendono perfetto per produttori di bici che vogliono distinguersi e per le assicurazioni, che possono creare nuove polizze fino ad oggi impossibili da stipulare. Il nostro punto di forza è la capacità di soddisfare un bisogno, cioè prenderci cura della sicurezza dei ciclisti a tutto tondo. Bikeeper ad oggi è l’unico dispositivo che integra in piccolo oggetto l’antifurto GPS e il rilevatore di collisioni con SMS di emergenza.

bikeeper-edison-pulse-milestone
Raccontateci i momenti salienti della storia della startup 

Abbiamo un passato breve ma denso di avvenimenti importanti. Sicuramente uno dei momenti più importanti è stato la vittoria della CallForIdeas TIM #WCAP 2015, a partire da cui abbiamo costituito la società e lavorato costantemente e con entusiasmo sul progetto. Poi è arrivata la vittoria di #think4south 2016, dandoci fiducia, visibilità, incontri e contatti commerciali, momenti di gioia e nuove energie.

Come avete conosciuto .itCup Registro e perché avete deciso di partecipare? 

Abbiamo conosciuto .itCup grazie alla partecipazione di Ganiza alla finale dell’anno scorso. Abbiamo scelto di partecipare per vari motivi: perché riteniamo che i giorni di formazione su argomenti che non vengono normalmente trattati in ambito universitario siano molto importanti al fine della crescita personale e dell’azienda; perché è un ottimo canale per farci conoscere ai nostri futuri clienti e l’eco di una vittoria costituirebbe un vanto per noi nonché aggiungerebbe credibilità al progetto; perché confrontarsi con una platea di investitori ed esperti è sempre un’occasione per raccogliere feedback interessanti e, magari, stringere rapporti commerciali utili.

13466484_1333833726631045_860603381948620676_n

Perché pensate di poter vincere e, in caso, cosa farete con il premio?

Crediamo nelle potenzialità del nostro prodotto, è originale ed è spendibile sul mercato, requisiti fondamentali per vincere il concorso. Il premio rappresenta un’occasione per migliorare e stimolare le nostre capacità, potenziare il brand e trovare un investitore che crede come noi sulle potenzialità del prodotto e del team.

Domanda secca: qual è la vostra ricetta per una startup di successo?

Dare il massimo di sé con il sorriso, pianificando ogni passo e condividendo visione e voglia di mettersi in gioco. Il successo arriverà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

Chi sono e cosa fanno le 10 startup finaliste di .itCup

Sono state annunciate oggi le 10 finaliste di .itCup Registro 2016, competition per startup promossa da Registro.it. In palio il sogno di volare a San Francisco per partecipare alla Startup School di Mind The Bridge

Le finaliste di .itCup 2016: UiZZi, la startup che crea business card digitali

UiZZi crea business card digitali, inviabili ed archiviabili tramite web e app. Non sarà più necessario il biglietto da visita cartaceo, perché ogni utente potrà dare vita a nuove sinergie di mercato, risparmiando tempo e denaro, aiutando l’ambiente.

Le finaliste di .itCup: Mathesia, la piattaforma dedicata alla matematica applicata

Mathesia è la prima piattaforma di open innovation dedicata alla matematica applicata. Qui le realtà industriali incontrano i migliori specialisti nell’ambito di data science, modellistica, simulazione, ottimizzazione di prodotto o di processo

Le finaliste di .itCup: Yamgu, la tua guida di viaggio personalizzata

Inizia oggi il nostro viaggio alla scoperta delle startup finaliste di .itCup, la competition di Registro.it. Partiamo con Yamgu, la piattaforma web e mobile che massimizza l’esperienza di viaggio. Tutto grazie a un algoritmo che filtra e organizza i dati estratti dai social.

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.