LVenture vuole internazionalizzare le sue startup, le porterà a Berlino

LVenture Group annuncia una partnership con Rainmaking Loft Berlin, hub internazionale del settore startup e spazio di co-working

LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana che gestisce l’acceleratore di startup Luiss EnLabs in collaborazione con l’Università Luiss, annuncia una partnership con Rainmaking Loft Berlin, hub internazionale del settore startup e spazio di co-working, volta a promuovere le società nel portafoglio di LVenture Group nel rinomato ecosistema delle startup tedesco.
berlin-tv-tower-skip-the-line-ticket_big-29146
Uno degli obiettivi principali di LVenture Group per il 2016 è quello di sostenere attivamente l’internazionalizzazione delle startup in portafoglio e Berlino, con il suo ecosistema di startup vibrante e in continua evoluzione, è attualmente riconosciuto come il principale hub dell’Europa continentale. Diverse startup nel portafoglio di LVenture Group hanno espresso interesse nello stabilirvi operazioni e questa partnership offre l’opportunità di coordinare gli sforzi e consentire loro di avere un facile accesso al mercato tedesco.

Gestito da imprenditori e business angel, Rainmaking Loft fornisce alle startup opportunità di networking con corporate affiliate e potenziali investitori locali e detiene una comprovata esperienza nel consentire alle startup non tedesche di ottenere rapidamente un punto d’appoggio nell’ecosistema di Berlino.

Tobias Wittich, MD di Rainmaking Loft dice: «Ospitiamo già diversi team fenomenali provenienti dall’Italia e da altri paesi, che definiscono il Loft la loro casa. Siamo certi che avere una base da noi darà una spinta importante alle startup di LVenture Group interessate al mercato tedesco».
Rainmaking-Loft
Rainmaking Loft includerà i team delle startup di LVenture Group in tutte le sue comunicazioni interne ed esterne e negli eventi della community e di networking. Inoltre, la stretta collaborazione di Rainmaking Loft Berlin con le sue sedi a Londra e Copenaghen potrà aprire alle startup ulteriori potenziali possibilità.

Per Rainmaking Loft e LVenture Group questa partnership è intesa come il primo passo per future collaborazioni, come ad esempio eventi congiunti e opportunità per startup tedesche interessate al mercato italiano.

Lorenzo Franchini, Senior Advisor di LVenture Group, conferma: «Abbiamo accuratamente selezionato Rainmaking Loft come partner per la nostra testa di ponte di Berlino. Rainmaking Loft unisce un ampio e approfondito know how dell’ecosistema locale, insieme a una cultura veramente internazionale e aperta. Siamo convinti che i nostri team trarranno molto valore dallo stare a Rainmaking Loft – ben oltre una semplice scrivania dove possono lavorare».

Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Il rino-robot per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio. Ramakera

Ramakera è un robot con le sembianze di un rinoceronte, in grado di monitorare e proteggere il gruppo di animali in cui si trova. Una possibile misura contro il bracconaggio che, a causa dei corni, sta spingendo questo animale verso una rapida estinzione.

Tecnologia e hardware, com’è stato il 2016 degli investimenti e dove vanno le big. Il report

La tecnologia primeggia nelle operazioni M&A per il secondo anno consecutivo e raggiunge la vetta nelle fusioni e acquisizioni a livello globale per la seconda volta dal 2000. Le innovazioni in realtà aumentata, realtà virtuale e l’Internet delle Cose (IoT) i settori nel mirino degli investitori nell’hardware

A colloquio con la spia che adesso protegge le aziende. Intervista a Dave Palmer (Darktrace)

L’azienda ha sviluppato un approccio alla cyber-defense che mima il comportamento del sistema immunitario umano di fronte alle minacce virali. Il suo CTO, Dave Palmer, ha lavorato con il MI5