Come rendersi autorevoli e visibili su Google grazie ai backlink, spiegato in 3 minuti

Ciò che ha reso Backrub – il vecchio nome di Google – unico nel suo genere è stata l’importanza data ai backlink, con l’introduzione del concetto di autorevolezza

Una delle componenti chiave del digital marketing mix è la strategia SEO. Rendersi visibili su Google è utile per tre principali motivi:

  • raggiungere chi effettivamente sta cercando la soluzione che abbiamo sviluppato;
  • limitare il budget in advertising (anche se investendo in tempo e risorse);
  • porre le basi di una strategia di crescita organica efficace.

L’unico problema nel fare ciò è che la strategia SEO è una materia in continua evoluzione, di cui non si conoscono tutte le chiavi del successo e che richiede un grosso sforzo iniziale in termini di setting.

seo-instilla

Ma anche se l’algoritmo di Google rimane segreto, c’è una caratteristica che sicuramente bisogna cercare di sfruttare a pieno. Una caratteristica che lo ha contraddistinto fin dalla sua nascita, avvenuta nel 1996, e che gli ha permesso di crescere e imporsi come principale motore di ricerca al mondo negli anni seguenti.

Questa caratteristica è l’importanza data ai segnali off page, ovvero i backlink, e l’autorevolezza che ne deriva per i siti che accumulano citazioni. Google è stato il primo motore di ricerca a introdurre il concetto di autorevolezza, e lo ha fatto costruendo un algoritmo in grado non solo di individuare i backlink, ma anche di attribuire una scala d’importanza ad ognuno di essi, a seconda di chi e come li utilizza.

Ogni sito, citando una fonte, le passa parte della propria autorevolezza, secondo un circolo virtuoso che tende a premiare coloro i quali soddisfano meglio le ricerche dei propri utenti target.

Tale peculiarità iniziale di Google tuttora rappresenta uno degli strumenti più potenti della strategia SEO, e negli anni si è affinata assieme all’algoritmo, con l’introduzione dei concetti quali il topical trust, il trust flow e la domain authority.

Come spiega Paolo Meola, fondatore di Instilla, in questo breve video tratto dal suo corso SEO starter kit, disponibile gratuitamente su Lacerba.io.

 

Il Mit fa un sito che simula incidenti di auto senza pilota (e tu decidi chi deve morire)

L’università di Boston ha creato un sito sul quale gli utenti analizzano diversi scenari e propongono la scelta che ritengono più etica in caso di imprevisti su strada con le macchine self-driving. Il tentativo è quello di programmarle secondo il senso comune

Deutsche Telekom investe 4,1 milioni di dollari su Roambee (IoT)

Roambee ha ricevuto 4.1 milioni di dollari da parte di Deutsche Telekom Strategic Investments (DTSI). La mossa risponde ad una precisa strategia di open innovation da parte dell’azienda