SurgiQ chiude un round da 235 mila dollari

Guidata da Ivan Porro – CEO e Co Founder, SurgiQ è una piattaforma multimodale di governance clinica che introduce il concetto di lista d’attesa priorizzata in area sanitaria

SurgiQ, startup health-tech genovese che gestisce ed innova i percorsi sanitari attraverso criteri di priorità e tracciabilità, ha chiuso un round di 235.000 dollari guidato da Wolsey Ventures con la partecipazione di Widening S.p.A., Aitek S.p.A. e Angels For Innovation.

L’investimento consentirà di sviluppare ulteriormente la piattaforma e consentirà una serie di progetti di sviluppo per il mercato UK e del Sistema sanitario britannico (NHS).

doctor

Guidata da Ivan Porro – CEO e Co Founder, SurgiQ è una piattaforma multimodale di governance clinica che introduce il concetto di lista d’attesa priorizzata in area sanitaria. Si tratta di una soluzione all’avanguardia allineata alle più importanti linee guida internazionali e alle normative italiane che consente di raccogliere dati strutturati, necessari a pianificare il percorso chirurgico del paziente dal momento del primo contatto con il medico all’interno dell’ospedale, seguirlo durante il ricovero per l’intervento chirurgico ed estendersi alla fase post operatoria.

Da questa razionalizzazione dei processi e dalla condivisione delle informaizioni, deriva la possibilità di ottimizzare l’uso delle risorse -dagli ambulatori alla sala operatoria- assegnabili in base alle effettive necessità.

SurgiQ è già utilizzato da Ospedale Galliera di Genova e dall’Ospedale Bambin Gesù di Roma, gestendo più di 10.000 pazienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion