Per 5 milioni di dollari, in gara 10 startup italiane

Prende il via la selezione dell’XPrize Ibm Watson: a caccia di idee innovative per l’Intelligenza Artificiale. Per candidarsi c’è tempo fino al 15 gennaio 2017

Ci saranno anche 10 startup italiane a concorrere per la prossima edizione dell’XPrize IBM Watson, una competizione globale che mette in palio 5 milioni di dollari e che nasce con l’obiettivo di incentivare lo sviluppo di tecnologia in ambito Intelligenza Artificiale (AI).

La selezione dei partecipanti italiani è iniziata in questi giorni e si concluderà entro il 15 gennaio 2017 Sarà il primo necessario gradino per arrivare alla scelta finale, dopo un serrato confronto tra tutte le proposte giunte a livello internazionale. I vincitori saranno proclamati nell’estate del 2020.

La Fondazione XPrize, in collaborazione con IBM – azienda che sta investendo fortemente nel sistema di cognitive computing Watson – ha indicato come “ambassador” italiano Emilia Garito, Ceo di Quantum Leap, società leader in Italia per le attività di trasferimento tecnologico.

xprize-ibm-watson

A Emilia Garito spetterà il compito di scegliere i dieci italiani che rappresenteranno il nostro Paese in una delle competizioni internazionali più qualificate e più connesse allo sviluppo e all’innovazione tecnologica del futuro.

«È una grande opportunità per valorizzare le eccellenze italiane legate al mondo dell’Intelligenza Artificiale. Una sfida internazionale – spiega Garito – che consentirà a un gruppo selezionato di startupper italiani di competere a livello globale e di partecipare attivamente allo sviluppo di un futuro migliore per tutta l’umanità. Le applicazioni dell’AI stanno già cambiando il mondo, il modo di vivere di tutti i giorni. La scelta premierà le startup che sapranno coniugare l’Intelligenza Artificiale con nuove e più efficienti soluzioni per migliorare la qualità della vita. C’è un senso etico da progettare, coltivare e soprattutto preservare sulla nuova frontiera dell’interazione uomo-macchina».

La competizione mira proprio a dimostrare come dalla collaborazione tra uomini e macchine intelligenti si possano affrontare e vincere alcune tra le più grandi sfide del mondo, in alcune delle aree più importanti della vita delle persone: la salute, l’educazione, l’energia, la mobilità.

Chi vorrà partecipare alla selezione, dovrà inviare la sua candidatura (riferimenti e contatti, oltre a una breve illustrazione dell’idea, in non più di 800 caratteri) all’indirizzo: [email protected]

“Negli USA 98.000 vittime di errori nelle medicazioni. L’IoT è il futuro della sanità”. Intervista a Wayne Miller (Zebra)

Nel 2016 il mercato IoT in Italia è arrivato a toccare i 2,8 miliardi di euro. Sempre di più si parla anche di soluzioni IoT nel campo della sanità, come supporto ai medici per la gestione della cura dei pazienti. Ma è necessario un piano di rinnovamento

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)