Cisco si accorda con il Comune di Palermo per un living lab per startup e cittadini

Accordo tra Cisco e Comune di Palermo per la creazione di un’area che crei le condizioni per lo sviluppo di nuovi servizi smart per il cittadino, le imprese, i turisti

Un accordo tra Cisco e Comune di Palermo che ha l’obiettivo di accelerare il processo di innovazione e creare nuove opportunità per i giovani, le imprese e il territorio nella futura Area Metropolitana di Palermo. Al centro: infrastrutture, sviluppo territoriale, startup, formazione ai giovani e inclusione sociale. Nell’accordo, in cui c’è anche il contributo dell’Università di Palermo, coinvolto, come partner per lo sviluppo, anche Italtel (presente sul territorio, in particolare, con un centro di competenza per l’Internet of Things che ha sede a Carini, nel palermitano).
Obiettivo del progetto è la volontà di fare di Palermo un laboratorio a cielo aperto di innovazione tecnologica e sociale, che getti le basi per trasformare la città e il suo territorio in una smart community: una comunità intelligente e interconnessa, dotata di una rete di infrastrutture e di competenze che faciliti la realizzazione di nuovi servizi e dia spazio al potenziale di innovazione.
Per Cisco, il protocollo di intesa rappresenta un nuovo importante risultato del piano di investimenti Digitaliani annunciato a gennaio 2016, che mette a disposizione 100 milioni di dollari in tre anni per accelerare la digitalizzazione del Paese.

Cisco Italia

Accordo tra Cisco e Comune di Palermo per la creazione di un’area che crei le condizioni per lo sviluppo di nuovi servizi smart per il cittadino, le imprese, i turisti

Leggi anche: Cisco investirà 100 milioni in Italia, anche in startup. E lo farà con Invitalia Ventures

 

Leggi anche: Santoni (Cisco): «Perché ho fiducia nell’Italia, paese in via di sviluppo digitale»

 

Infrastrutture tecnologiche e opportunità per la società

«Sono particolarmente orgoglioso di questo accordo con il Comune di Palermo, perché le sue caratteristiche rispecchiano pienamente il nostro approccio alla digitalizzazione, che mette alla pari lo sviluppo delle infrastrutture tecnologiche e lo sviluppo delle opportunità per la società, attraverso il sostegno all’innovazione e alla formazione – ha dichiarato Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia – il Sud, Palermo hanno forza e voglia per innovare e noi siamo pronti a dedicare al progetto tutta la nostra esperienza e creare insieme una piattaforma aperta per imparare, sperimentare e creare innovazione, a disposizione di tutti».

Living lab con Wi-Fi e cloud per startup e cittadini

Il progetto ha l’obiettivo di creare, nel centro della città, un’area dotata di una piattaforma tecnologica innovativa, che crea le condizioni necessarie per lo sviluppo di nuovi servizi smart per il cittadino, le imprese, i turisti. Il progetto prevede la copertura dell’area con connessione Wi-Fi e la creazione di una piattaforma tecnologica in cloud, sostenuta dalle più moderne soluzioni data center. Sarà sviluppata dalla società in house per i servizi informativi del Comune di Palermo SISPI, da Cisco e da Italtel, con il supporto dell’Assessorato all’Innovazione del Comune e relativa area preposta. Sarà un living lab, un laboratorio a cielo aperto, che offre a cittadini, imprese, startup una base tecnologica per sviluppare e offrire prodotti o servizi innovativi rivolti a cittadini, turisti, imprese, amministrazioni locali.
Il progetto è stato concepito ispirandosi a esperienze di successo a livello internazionale, come il living lab realizzato in collaborazione con Cisco a Copenhagen. U modello applicato, su scala più vasta, in occasione di Expo Milano 2015, quando fu realizzata nel sito dell’evento una smart city dotata di infrastrutture di nuova generazione create da Cisco e dagli altri partner tecnologici.

Supporto ai programmi di ricerca e appuntamenti sull’innovazione

Per fare in modo che il Living Lab sia l’ambiente più ricco possibile in fatto di opportunità di crescita, Cisco ha messo in campo una serie di iniziative: supporto di programmi di ricerca, partecipazione a eventi dedicati al mondo dell’innovazione, come il Festival dell’Ingegno,  attività per la selezione e il supporto di idee imprenditoriali innovative.

Formazione sulle nuove professioni

Nel quadro dell’accordo, Cisco e il Comune di Palermo prevedono di sviluppare percorsi di formazione orientati alle professioni del futuro, in particolare legati alle tecnologie dell’Internet of Things e al tema della Cybersecurity, da mettere a disposizione alle scuole, all’università ed altre realtà che potranno essere individuate. I percorsi formativi si basano sui contenuti disponibili nel Programma Cisco Networking Academy, che Cisco già offre a oltre 200 istituti superiori di tutta Italia, e su kit didattici appositamente realizzati.

Un Commento a “Cisco si accorda con il Comune di Palermo per un living lab per startup e cittadini”

  1. Francesco Cicerone

    Ci sono aggiornamenti in merito a questa notizia? Ufficialmente ancora nulla. Visto che il 21 sarete a Palermo…magari riuscite a saperne, in concreto, aldilà dei buoni propositi e delle conferenza, di più…grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Digithon, spiegato | Boccia (founder): «Siamo una startup che vuole fare ecosistema»

Fino al 25 giugno, tra Bisceglie e Barletta, la maratona del digitale: dibattiti con istituzioni ed esperti del settore, pitch session. Francesco Boccia ci racconta le novità dell’iniziativa, giunta alla seconda edizione

Aggiornamento Unicode | Fra gli 8 mila nuovi caratteri, anche il simbolo del Bitcoin

Introdotto con l’aggiornamento 10.0, in arrivo sui dispositivi nei prossimi mesi. Intanto un’azienda sudcoreana paga un riscatto record: un milione di dollari in Bitcoin per liberare i propri server dal ransomware Erubus

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito