Mangiare verdure, la chemio, la vitamina C e altri 37 luoghi comuni senza senso

L’Academy of Medical Royal Colleges, ha raccolto 40 «certezze mediche» che non sono così certe. Alcune delle nostre abitudini sono del tutto senza senso per la scienza. Eccole

Innovare e cambiare può voler dire anche rinunciare ad abitudini che davamo per scontate e che non hanno significato pratico, scientifico o anche medico. L’Academy of Medical Royal Colleges, che raccoglie i 21 college reali di medicina britannici, ha raccolto 40 «certezze mediche» che non sono così certe, e che almeno quattro dottori su cinque ammettono di suggerire solo per scrollarsi un paziente di dosso.

scienza

La lista, che potete leggere qui per intero, è curiosa e contiene di tutto. Per esempio:

  1. la flebo di fluidi endovena per chi ha fatto abuso di alcolici non aiuta a riprendersi meglio o più in fretta.;
  2. i problemi respiratori nei bambini di solito passano senza bisogno di alcun trattamento medico;
  3. l’acqua del rubinetto pulisce le ferite bene quanto le soluzioni saline.

Poi via via i consigli affrontano temi e situazioni sempre più serie.

  1. I farmaci per la pressione, per prevenire problemi di cuore o infarti sono da prendere in considerazione solo se esistono altri fattori di rischio.
  2. Non serve l’anestesia generale per operare le lussazioni.
  3. In vista di un intervento chirurgico, non serve andare un giorno prima in ospedale, se si seguono a casa le prescrizioni del chirurgo.
  4. E la chemioterapia, nei mesi finali di vita di un paziente, può fare più danni che altro.

Ma, come ha osservato Stuart Heritage sul Guardian, questo metodo dell’Academy of Medical Royal Colleges, può essere applicato anche ad altri ambiti della vita quotidiana, dove si possono senza problemi sottrarre altre 40 abitudini e certezze. Per esempio, prendiamo gli integratori di vitamina C.

Studi su studi hanno dimostrato che per chi non vive in terre ghiacciate o è sottoposto a un costante stress fisico, non servono a nulla. E non ci sono vere prove che il filo interdentale migliori l’igiene orale, come spiegato anche dalla British Dental Association lo scorso agosto.

Le «dosi fisse» giornaliere di acqua e verdure? Sono del tutto arbitrarie. Alcuni governi consigliano cinque porzioni di verdura al giorno, ma in Danimarca sono sei, in Australia sette. Basta mangiarne ogni giorno. Inoltre, le verdure in generale non vanno sbucciate, si perde la preziosa fibra della buccia.

E gli otto bicchieri d’acqua al giorno? È un luogo comune basato su una ricerca americana vecchia di almeno 70 anni, che non prende in considerazioni fattori fondamentali come l’altezza, il peso corporeo, il livello di attività fisica.

E, infine, anche gli amati pisolini: l’università di Tokyo ha rilevato che dormire un’ora di giorno tutti i giorni aumenti del 45% il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chi c’è e di cosa si parla al Data Driven Innovation a Roma

24 e 25 febbraio il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ospita la seconda edizione dell’appuntamento dedicato alla data driven innovation. Fra gli speaker Raffaele Lillo (Italian Digital Transformation Team) che interviene sul tema Digital Transformation of the Italian Government

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era