Questa startup ha scoperto l’algoritmo per trovare il partner giusto. Starly

L’algoritmo associa il profilo astrologico dell’utente con quello degli altri per mostrare le persone più compatibili da un punto di vista sentimentale, con un click

Dopo essere stata tra le startup presenti al Web Summit di Dublino nel 2014, Starly ora ha lanciato la sua piattaforma in Italia. Il segreto? Un algoritmo che promette di semplificare la vita di chi cerca un partner. Già a Dublino è stata selezionata come una fra le più interessanti startup in Europa (con il primo migliaio di utenti), ora Starly è pronta a partire per conquistare il mercato degli utenti digitali incuriositi dall’astrologia. Un mercato enorme secondo le associazioni dei consumatori, per le quali circa 13 milioni di italiani complessivamente spendono 6,5 miliardi l’anno per servizi di predizione del futuro. di cui 90 milioni in Lombardia. Ogni giorno 30.000 italiani pagano fra i 20 e i 600 euro per conoscere il loro futuro tramite l’astrologia.
«Starly è una missione e un progetto ambizioso – dice la founder Martina Mauro, 30 anni – l’astrologia trova sempre più consensi, motivo in più per proporre un sistema per scoprire le persone più compatibili a noi da un punto di vista sentimentale, per fare le scelte avvicinandosi a un’autentica felicità. Single o in coppia, credendoci o per gioco, Starly offre un punto di vista diverso e innovativo che spolvera un tema spesso banalizzato e che da oggi gode di un nuovo approccio digitale».

Starly

L’algoritmo astrologico

La piattaforma ruota intorno ad un algoritmo che è in grado di calcolare la percentuale di compatibilità con gli utenti di Starly sulla base delle stelle. L’algoritmo infatti associa il profilo astrologico dell’utente con quello degli altri per mostrare le persone più compatibili da un punto di vista sentimentale, con un click.

Variabili e rapporti geometrici per scoprire le compatibilità

Starly è un progetto nato dagli studi di Martina Mauro, che impiega variabili e rapporti geometrici per individuare le compatibilità. Oltre a Mauro ci sono la manager Tiziana Fragiacomo di Johnson & Johnson per le operazioni di marketing, e Antonello Cocco analista finanziario ex consulente Bain come direttore finanziario. Lo sviluppo tecnico verrà curato da Roberto Vergali, ex Apple ad oggi founder di Digital Forest. A oggi la piattaforma conta già un migliaio di iscritti. 

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti