La classifica mondiale dei presidenti più pagati, nell’anno in cui Trump guadagnerà un dollaro

Il suo predecessore Barack Obama aveva incassato 400mila dollari all’anno. Tra i più pagati al mondo anche il primo ministro canadese Justin Trudeau e la cancelliera tedesca Angela Merkel. Decima posizione nella classifica di Forbes Matteo Renzi con 124.600 dollari

Le analisi politiche sulla vittoria alle elezioni americane di Donald Trump in questi giorni si sprecano. Tutti i commentatori cercano di spiegare come abbia potuto un miliardario senza esperienza politica e con posizioni estreme su immigrazione, affari esteri ed economia vincere la competizione contro Hillary Clinton.

Poi il presidente eletto degli Usa decide di rinunciare allo stipendio che gli spetterebbe per la sua carica, accontentandosi di una cifra simbolica di un dollaro all’anno. E tutto sembra confermare la teoria più accreditata: la chiave del suo successo sta in quell’ondata di populismo che spinge al potere i candidati più lontani dall’estabilishment.

L’annuncio di Trump è arrivato durante la trasmissione televisiva della Cbs 60 Minutes‘. La decisione del magnate americano fa ancora più effetto se si mette a confronto ciò che lui percepirà per sedere nello studio ovale con quello che mettono in tasca i principali leader mondiali. Forbes l’ha fatto raccogliendo gli stipendi dei più pagati capi di stato e di governo in un’infografica.

20161115_trump_salary

La classifica dei leader più pagati

Per i sostenitori di The Donald la sua è una mossa che rivela la sensibilità del Presidente nei confronti delle necessità del Paese. E soprattutto la dimostrazione di una coerenza di fondo da parte di un magnate che non ha certo bisogno dei soldi della Casa Bianca per dirsi ricco: «Lo stipendio non è un problema per me», aveva detto alla folla lo scorso settembre. In totale Donald Trump rinuncerà a 400mila dollari all’anno, lo stipendio che invece ha incassato durante tutta la sua presidenza Barack Obama.

Secondo all’ormai ex Presidente americano per entità della somma ricevuta è il primo ministro canadese Justin Trudeau che percepisce ogni anno 260mila dollari, circa il doppio di quello che riceve un comune parlamentare canadese.

Segue a ruota la cancelliera tedesca Angela Merkel alla quale ogni anno spettano 234.400 dollari. Nella top ten dei più pagati ci sono anche il primo ministro inglese Theresa May, il presidente francese François Hollande – che pure si è ridotto lo stipendio del 30 per cento quando è stato eletto nel 2012 e il nostro presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Per il leader italiano la posizione è la numero 10 con 124.600 dollari all’anno. Tra di loro ci sono i nomi di altri capi di stato e di governo internazionali come il presidente del Sudafrica Jacob Zuma, il primo mininistro del Giappone Shinzo Abe, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e quello russo Vladimir Putin.

A chiudere la classifica rispettivamente con 30.300 e 20mila dollari  ci sono il primo ministro indiano Narendra Modi e il Presidente della Repubblica Popolare cinese Xi Jinping.

donald-trump

Gli altri politici a un dollaro

La scelta di Donald Trump non è storicamente l’unica di questo genere tra coloro che si sono succeduti alla Casa Bianca. Prima di lui avevano rincunciato al loro stipendio Herbert Hoover e John F Kennedy. Hoover poteva infatti contare sulle fortune accumulate gestendo miniere, mentre Kennedy si trovò ad ereditare le immense ricchezze di famiglia.

Entrambi decisero di destinare la somma che gli spettava per l’incarico presidenziale a opere di beneficenza. E anche tra sindaci e governatori americani c’è stato chi ha seguito il loro esempio: l’ex sindaco di New York Michael Bloomberg, l’ex governatore della California Arnold Schwarzenegger e l’ex governatore del Massachusetts Mitt Romney hanno tutti rinunciato alla loro paga.

Zuckerberg da Facebook prende meno di tutti i dipendenti

La scelta di ridurre al minino il proprio stipendio non è una prerogativa della politica. Anche nel mondo dell’economia ci sono nomi di grandi dirigenti e amministratori delegati che in teoria percepiscono meno dei loro dipendenti.

Il caso più eclatante è quello di Mark Zuckerberg, il numero uno di Facebook. Come lui la paga annuale di un dollaro è stata preferita anche da Sergey Brin e Larry Page di Google, Larry Ellison di Oracle e Meg Whitman di Hewlett Packard Enterprise. Il teorico dello stipendio da un dollaro all’anno era stato Steve Jobs quando era ritornato alla guida di Apple nel 1997.

La tendenza è però più antica e risale addirittura alla Prima Guerra mondiale quando molti dirigenti, banchieri e industriali si misero al servizio della patria rinunciando ai loro compensi o accettando la somma simbolica di un dollaro per non infrangere la legge statunitense che proibisce il lavoro non pagato.

Ovviamente c’è da specificare che nel caso dei dirigenti e dei proprietari di aziende così importanti come quelle che abbiamo citato, le entrate arrivano in modi alternativi al classico stipendio: i proventi delle quote societarie e i compensi per altre attività aziendali assicurano comunque grandi ricchezze ai big del business mondiale.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti