Cities Challenge premia la città più imprenditoriale d’Italia: ecco come candidarsi

Fino al 2 gennaio 2017 i cittadini hanno la possibilità di candidare il proprio comune come il più vivace dal punto di vista imprenditoriale e vincere il Cities Challenge Italy 2016

Avere ecosistemi imprenditoriali in buona salute è una sfida che deve partire in primo luogo dalle città: è qui che devono crescere e svilupparsi comunità locali e tessuti imprenditoriali in grado di creare valore, in termini di nuovi posti di lavoro, attrazione di talenti e innovazione a 360 gradi. Per questo, Meta Group, società internazionale specializzata in attività di advisory e consulenza in ambiti ad alta intensità di conoscenza, ha lanciato “Cities challenge Italy”: un concorso che ha l’obiettivo di premiare gli ecosistemi più effervescenti e favorevoli all’imprenditorialità d’Italia.

istock000087614919medium

1. Candidare la propria città

Ogni cittadino residente in un comune con un numero di abitanti compreso tra i 50 mila e i 250 mila  può proporre la candidatura della propria città registrandosi in questo sito entro il 2 gennaio 2017. Tali candidature verranno contestualmente spedite da Meta Group al Sindaco della rispettiva città che si occuperà di formulare un’unica candidatura entro il 23 gennaio 2017.

2. La votazione

Dal 1 al 28 febbraio 2017 c’è la seconda fase del concorso: i cittadini potranno votare la città che ritengono la più imprenditoriale d’Italia, votando sempre dal sito. In una giornata tra i 1 e il 12 marzo 2017 le finaliste dovranno effettuare un pitch di 5 minuti di fronte alla giuria, dimostrando l’efficacia dell’ecosistema imprenditoriale della propria città. Vincerà quella che presenterà il pitch migliore e che avrà ottenuto il maggior numero di voti da parte dei cittadini.

3. I premi

Alla città vincitrice saranno riconosciuti diversi premi: per la città ci sarà il percorso di animazione “Una città da dieci&lode”, ovvero 10 incontri di approfondimento su temi strategici per la città a cui parteciperanno relatori di fama internazionale. Per i giovani ci sarà uno startup contest: i migliori progetti innovativi imprenditoriali provenienti dai giovani residenti nella città vincitrice verranno selezionati e accompagnati. Per le imprese, infine, è previsto un percorso di crescita imprenditoriale, ovvero azioni di formazione specialistiche per innovare e crescere nei mercati di riferimento, pensato per le migliori PMI del luogo. Inoltre, la città vincitrice avrà l’opportunità di essere presentata al GEC 2017 (Global Entrepreneurship Congress).

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure