Amazon apre a Seattle un supermercato che farà a meno di casse e cassieri

Amazon Go è il nuovo supermercato di casa Amazon: mille metri quadri di scaffali e prodotti agroalimentari, dove si comprerà usando un’app. Niente casse, né cassieri. Altra professione a rischio, più rapido del previsto

Amazon aprirà un proprio negozio di alimentari a Seattle. E dentro non c’è traccia né di casse né di cassieri. Si chiama Amazon Go e il video (pubblicato oggi, 5 dicembre) che lo ha presentato fa una certa impressione. Si vede un cliente entrare, passare il proprio cellulare su un lettore, prendere qualcosa dal frigorifero e uscire dal negozio. Un’operazione rapida, automatica, senza alcun contatto umano. Uno store da mille metri quadri, per ora accessibile solo ai dipendenti del gigante dell’ecommerce. Ma aprirà al pubblico nei primi mesi del 2017.

amazon-go-cassieri-shop

Da quello che ha comunicato l’azienda, per utilizzare il servizio basterà installare l’applicazione Amazon Go, fare login e prendere quello che si vuole. Non è ancora chiaro come cosa l’azienda abbia previsto per evitare i taccheggiatori, ma quello che emerge è che Amazon ha pensato ad un sistema di riconoscimento facciale. Un modo rivoluzionario di fare la spesa, che dà (se ce ne fosse ancora bisogno) una chiara indicazione sul futuro delle vendite. E di alcune professioni. Quei milioni di posti di lavoro minacciati dalle nuove tecnologie e che tanto preoccupano i governanti di mezzo mondo.

Un negozio dove i clienti prendono semplicemente le cose

Da quanto si apprende dalla pagina ufficiale delle domande, i negozi targati Amazon saranno dotati di «computer vision, sensor fusion e deep learning». Tradotto, il riconoscimento del volto dell’acquirente sarà la loro garanzia. Che consentirà di fare a meno di controlli e casse. Così Amazon Go: « Quattro anni fa ci siamo chiesti: cosa succederebbe se potessimo creare un’esperienza di acquisto senza cassa? Possiamo spingere i confini dell’apprendimento automatico fino a creare un negozio dove i clienti possono semplicemente prendere quello che vogliono e andare?». E’ successo. E si comincerà dal 2017, nella città che ospita il quartier generale di Amazon. Seattle. Per poi allargarsi al resto del mondo.

Impressionante resta il fatto che Amazon sia riuscita in così poco tempo a sviluppare e implementare una tecnologia così avanzata. Senza fughe di notizie, anticipazioni. Nessuno ne sapeva nulla. Uno sviluppo tanto rapido da poterlo annunciare a qualche settimana dal suo lancio ufficiale. E questo non fa che accrescere la quantità di domande e elaborazioni distopiche su quello che può essere il futuro del lavoro. Come è successo ampiamente quest’anno al primo Web Summit di Lisbona, dove la paura per il lavoro è stato il trend più marcato. Insieme a quella per la nostra privacy. Inutile dire che ogni acquisto, qualsiasi genere di acquisto, sarà tracciato. I nostri consumi, le nostre abitudini, i nostri dati saranno nel database di Amazon.

@arcamasilum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

13 cose che ti chiederebbe Elon Musk per assumerti in Tesla

Business Insider ha raccolto i quesiti preferiti da Elon Musk per selezionare i suoi dipendenti: dalla passione per il lavoro alle capacità di logica e problem solving

13 cose che cercano nelle startup 13 dei più importanti investitori americani

Il live blog di Product Hunt ha ospitato, negli ultimi mesi, interviste a diversi investitori internazionali: ecco una sintesi utile di cosa ne è uscito

4 fattori che ti fanno capire se una startup avrà successo, più 1 imprevedibile. Una ricerca

Ci sono 4 fattori che ci fanno capire se una startup avrà successo o meno. Li svela il venture americano First Round Capital

9 buone pratiche che aiutano ad avere una buona idea

La creatività non è un club esclusivo. Non c’è qualcuno che entra di diritto e altri che vengono tagliati fuori. Come ogni cosa nella vita si può imparare e migliorare, proprio come guidare un macchina, saper programmare, o fare surf. La creatività è parte della tua vita e più spazio le dai, più ti premierà con nuove idee.

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity