Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Creabilis, azienda innovativa fondata nel 2008 e che ha brevettato una nuova tecnologia per i farmaci dermatologici, è stata venduta per 150 milioni di dollari a Sienna Biopharmaceuticals. Creabilis ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. L’idea che ha dato il via al processo industriale è di Silvio Traversa, ricercatore che ha sviluppato e brevettato al BioIndustry Park Silvano Fumero di Ivrea una tecnologia chiamata Topical by design.

La sua caratteristica innovativa è quella di essere in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle.

Evitando dunque l’entrata in circolo nel sangue del medicinale e diminuendone così gli effetti collaterali. Sotto la direzione di Alex Leetch, Amministratore Delegato, e Silvio Traversa, che ricopre il ruolo di CSO, Creabilis ha utilizzato questa tecnologia innovativa per costruire un portafoglio diversificato di nuovi prodotti farmaceutici rivolti al trattamento di condizioni dermatologiche come psoriasi, prurito e dermatite.
Sienna Biopharmaceuticals, la società che ha comprato l’azienda, è una società privata di dermatologia medica ed estetica con sede a Westlake Village, in California. Ad aver sostenuto finanziariamente Creabilis è stato il fondo di investimento francese Sofinnova, non nuova a questo genere di in Italia. E’ stato infatti il fondo che ha investito in EOS, altra startup biotech italiana, fondata da Silvano Spinelli e venduta a novembre 2013 per la cifra record 450 milioni.

Creabilis

credits creabilis-sa.com

Trattamenti dermatologici innovativi

«Il contributo di Sofinnova Partners al successo odierno è stato cruciale come nostri investitori storici, hanno sostenuto la nostra visione, finanziato il nostro sviluppo nel corso degli anni, favorito l’arrivo di altri investitori internazionali e hanno avuto un ruolo decisivo nella costruzione di questo accordo – ha detto Alex Leech, Amministratore Delegato di Creabilis – focalizzandoci su malattie che non hanno ancora un trattamento, ci troviamo in una posizione di forza per l’introduzione di trattamenti dermatologici innovativi per i pazienti europei e nord americani».

Biotech di interesse e di alta qualità

«Siamo entusiasti di questo accordo che prova la capacità del mercato venture capital italiano di creare imprese biotech di chiaro interesse e di alta qualità – ha aggiunto Graziano Seghezzi, Partner di Sofinnova Partners e Consigliere d’Amministrazione di Creabilis – unendo le loro forze, Sienna e Creabilis creano una reale società globale, con un forte potenziale per il Nord America e l’Europa».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.