Il summit tech di Donald Trump. Ecco chi ci andrà (e chi ha rifiutato)

Donald Trump ha convocato le maggiori aziende tech degli USA per un summit sul futuro tecnologico del Paese. Tra i partecipanti anche Cook, Page, Nadella. Forse anche Bezos. Molti hanno detto no: da Uber a AirBnb, da Netflix a Slack.

Donald Trump, 45esimo Presidente degli Stati Uniti, ha convocato, per oggi, un summit con tutti i rappresentanti delle principali aziende hi-tech americane. Dalla Silicon Valley, da Seattle, da New York e da tutti gli altri centri nevralgici del Paese. Tutti convocati alla Trump Tower per riflettere su temi che riguardano l’economia, il lavoro, la produzione. La lista dei partecipanti, piuttosto lunga, è stata in parte svelata da USA Today e poi ripresa, e allargata, da altri siti come Bloomberg.

628833336-0

Chi parteciperà

All’evento sarà presente Peter Thiel, co-founder di Paypal, uno dei pochi imprenditori ad aver sostenuto Trump durante la sua campagna elettorale. Intorno al tavolo troveranno posto Larry Page di Google, Tim Cook di Apple, Sheryl Sandberg di Facebook. Ma c’è anche chi scommette che il posto riservato a Jeff Bezos, numero uno di Amazon, non dovrebbe rimanere vuoto, nonostante la sua presa di posizione anti-Trump. Senza dimenticare Satya Nadella di Microsoft, Ginni Rometty di IBM, Chuck Robbins di Cisco e Safra Catz di Oracle

Catz ha raccontato in un comunicato l’entusiasmo con cui vivrà l’incontro con Trump: «Ho intenzione di dire al presidente eletto che siamo con lui e che lo aiuteremo in ogni modo possibile. Se riuscirà a riformare la pressione fiscale, ridurre la regolamentazione e negoziare migliori offerte commerciali, l’industria della tecnologia degli Stati Uniti sarà più forte e più competitiva che mai». Appoggio incondizionato, certo, ma anche una lista di provvedimenti che alcuni tra i top manager si aspettano dalla presidenza repubblicana nei prossimi 4 anni. 

hur06-15_e

Chi non ci sarà

Nella lista ci sono molti nomi che sono stati depennati. Ovvero tutte quelle realtà che hanno già deciso di volgere le spalle alla nuova amministrazione e che non hanno risposto alla chiamata alle armi. I rifiuti sono eccellenti e riguardano soprattutto startup giovani e rappresentati della “sharing economy”: da Travis Kalanick di Uber a Brian Chesky di Airbnb; da Reed Hastings di Netflix a Stewart Butterfield di Slack; da Drew Houston di Dropbox a Marc Benioff di Salesforce. Anche Marc Andreessen, uno dei principali investitori americani, ha declinato l’invito. La parte più giovane della Silicon Valley ha deciso di rimanere fedele ai valori che Barack Obama ha espresso in questi anni e che, con la mancata elezione Hillary Clinton, rischiano di essere profondamente stravolti o rimandati di diversi anni.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti