CercaOfficina.it (SpeedMiUp) chiude un round di 1 milione con 7 investitori

La startup di Marco Brusamolino e Luca Maccarini conta 15 mila preventivi inviati e ha generato 600 mila euro di fatturato alle officine e carrozzerie

CercaOfficina.it, il portale per il confronto di preventivi per interventi di riparazione o manutenzione dell’auto, ha chiuso un round di 1 milione di euro, a cui hanno partecipato 7 investitori privati, in maggioranza esteri. Obiettivo dell’operazione è consolidare la presenza di CercaOfficina.it a livello nazionale. In Italia, nei suoi primi tre anni di attività (si è costituita nel 2013), CercaOfficina.it ha già coinvolto officine con 15 mila preventivi inviati (oltre 600 mila euro il fatturato generato alle officine e carrozzerie). A sviluppare la piattaforma, la startup di Marco Brusamolino (co-founder e ceo) e Luca Maccarini (co-Founder e cto), che guida un team di 20 persone, tra sales, customer care, sviluppo e marketing. Precedentemente a questo round di investimento, l’azienda aveva chiuso altri due round, per un totale di 500 mila euro.
La startup ha inoltre conquistato un posto tra i vincitori del primo bando SpeedMiUp (Università Bocconi, Camera di Commercio di Milano, Comune di Milano), è risultata vincitrice al primo posto al Premio Ambrogio Lorenzetti, come miglior modello operativo di governance nella categoria startup ed è stata selezionata tra le startup per Aruba Cloud Startup.

CercaOfficina.it

il team di CercaOfficina.it

15 mila preventivi e 600 mila euro di fatturato per le carrozzerie

«In questi primi tre anni di attività – spiegano i founder – abbiamo lavorato con un obiettivo molto preciso: cercare di innovare e migliorare il mondo delle riparazioni delle auto, rendendolo maggiormente trasparente, per creare le basi affinché si costruisca un solido rapporto di fiducia tra automobilisti e officine. Proprio per questo cerchiamo di collaborare con officine e carrozzerie di qualità, distribuite su tutto il territorio italiano. Questo consistente round di investimento – hanno aggiunto – ci darà la possibilità di affermare e rafforzare ancora di più la nostra presenza in Italia, che fino ad oggi ci ha visto coinvolgere officine in tutta Italia, con 15 mila preventivi inviati e oltre 600.000 euro di fatturato generato alle officine e carrozzerie. Si tratta di un risultato ottenuto grazie al lavoro del nostro team e al contributo fondamentale fornito dall’incubatore SpeedMiUp e da Simon Ardiss, investitore e consigliere di CercaOfficina.it, che per primi hanno creduto nel progetto e lo hanno sostenuto».

Come funziona CercaOfficina.it

L’automobilista, attraverso il sito, richiede gratuitamente un preventivo (dal tagliando alla revisione, dalla riparazione della carrozzeria alla sostituzione dei pneumatici). Le richieste di preventivo vengono controllate e inoltrate alle officine convenzionate, in una determinata area geografica indicata dall’utente stesso. Le officine selezionate, successivamente, forniranno al cliente tutti i costi e dettagli per l’operazione richiesta. Dopo aver ricevuto i preventivi, l’utente potrà confrontarli, e una volta accettata una proposta potrà prenotare direttamente online l’intervento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

“Don’t Tap and Drive”, la campagna social di Ford per non distrarsi con lo smartphone alla guida

Secondo una ricerca un giovane europeo su quattro si è scattato un selfie mentre era al volante, non prestando attenzione alla strada. L’azienda automobilistica ha pensato di usare Instragram per sensibilizzare sul comportamento da avere per muoversi in sicurezza

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria