Il senso dell’innovazione, dall’età della pietra alle startup

“L’età della pietra non è finita perché sono finite le pietre, ma perché l’umanità ha deciso di prendere una direzione diversa e adottare nuove abitudini”. Un keynote di Marco Bicocchi Pichi, presidente Italia Startup

La scorsa settimana ho avuto il piacere e l’onore di tenere il keynote speech alla giornata EIT Digital, Italian Innovation Day a Trento. Mi è stato chiesto di parlare di “Innovation: making it happen in Italy”. Nei giorni precedenti abbiamo meglio definito i temi da trattare nei quaranta minuti a mia disposizione attraverso uno scambio di vedute con la leadership di EIT Digital in Italia, Roberto Saracco, Gian Mario Maggio, Andrea Conti. Il compito che mi è stato affidato è stato quello di discutere come ottenere un impatto di sistema e di lunga durata facendo leva sullo “tsunami” di startup e idee di impresa che ha caratterizzato il nostro paese negli ultimi anni, domandandoci se in Italia si può ancora fare innovazione e perché, quali scogli e difficoltà esistono e su quali basi è possibile costruire successi.

bicocchi-pichi-iid

Ho accettato il compito perché nel mio ruolo di Presidente di Italia Startup, che unisce le parole Italia e Startup, è normale che io abbia l’occasione di spostarmi da Est a Ovest da Sud a Nord, visitare ed incontrare innovatori e luoghi dell’innovazione in Italia e studiare, confrontare la nostra situazione con quella di altri paesi (ho anche visitato per questo gli ecosistemi innovativi a Londra, Dublino, Berlino, Parigi, Tel Aviv, Singapore, Las Vegas, etc.).

L’ultimo mese tra l’Italia delle startup

Da qualche tempo uso l’hashtag #ontheroadforstartup per i miei tweet in cui racconto dove mi porta la mia attività in giro per l’Italia, l’Europa e più raramente per il mondo. Solo nelle ultime settimane a partire dal 12 novembre sono stato a Palermo, Catania, Bologna, Ferrara, Montebelluna, Treviso, Milano, Bratislava, Roma, Caserta, Conversano (BA), Milano, Brescia e Trento e pochi giorni a casa in Maremma. In questo mese di novembre ho partecipato a Roma alle premiazioni del Premio CambiaMenti di CNA e del Premio Marzotto, premi di cui Italia Startup è stata partner, e quindi all’Italian Innovation Day organizzato da EIT Digital a Trento ed è stata una bella occasione per vedere ed esaminare il (buono) stato di salute dell’innovazione delle startup in Italia.

Il compito non era facile e non pretendo certo di essere riuscito a trattare tutti i temi e ad articolare tutte le risposte, del resto il key note ha il compito di aprire i lavori e di anticipare quelle che saranno le linee guida che caratterizzeranno anche gli interventi successivi, non di concludere. I partecipanti al convegno mi hanno però gratificato con un positivo riscontro ed ho quindi accettato con piacere l’invito di StartupItalia! a rendere disponibile la presentazione a quanti eventualmente interessati.

Dall’età della pietra alle startup

La presentazione che ho utilizzato a supporto del mio “key note” è in lingua Inglese lingua dell’evento, tenuto in Italia ma Europeo e quindi Internazionale nei partecipanti e nell’audience. Per la mia apertura ho utilizzato questa citazione: “The Stone Age did not end for the lack of stones, but because humanity decided to take a different direction and adopt new habits”, ed ho completato l’introduzione parlando di cambiamenti, sfide, ed innovazione affermando che adattarsi non è sufficiente per competere, sottolineando che la volontà è cosa diversa dal desiderio ed infine che servono tutte le tre componenti di pensiero, volontà ed azione per realizzare qualcosa di valore.

Augurandomi di avervi incuriosito a leggere la presentazione e spero vogliate associarvi ad Italia Startup e contribuire insieme alla crescita dell’Italia. Promuoviamo la cultura dell’intraprendere. Facciamo diventare grandi le imprese innovative ed innovative le grandi imprese.

Marco Bicocchi Pichi
@mbp1961

Il Mit fa un sito che simula incidenti di auto senza pilota (e tu decidi chi deve morire)

L’università di Boston ha creato un sito sul quale gli utenti analizzano diversi scenari e propongono la scelta che ritengono più etica in caso di imprevisti su strada con le macchine self-driving. Il tentativo è quello di programmarle secondo il senso comune

Deutsche Telekom investe 4,1 milioni di dollari su Roambee (IoT)

Roambee ha ricevuto 4.1 milioni di dollari da parte di Deutsche Telekom Strategic Investments (DTSI). La mossa risponde ad una precisa strategia di open innovation da parte dell’azienda