La startup dei micro-lavori (da regalare anche a Natale). Vicker

Il progetto di micro job, propone servizi dedicati alle Feste, dallo chef al personal trainer a domicilio, da regalare o da regalarsi

C’è bisogno di un tuttofare che tiri fuori dal garage o dalla cantina l’albero di Natale o che vada a comprarne uno nuovo? Un elettricista? Un fotografo per realizzare il ritratto di famiglia? Un personal trainer per rimettersi in forma, durante le Feste? Sono oltre cento i tipi di servizi che si possono richiedere attraverso Vicker, startup creata dai trentenni vicentini Matteo Cracco e Luca Menti, (oltre 50 mila download e 2 mila transazioni registrate), e finora attiva su Roma, Milano, Torino, Vicenza, Bologna e Padova. Vicker è la piattaforma che ha l’obiettivo di mettere in contatto chi ha bisogno di un servizio con i prestatori d’opera: professionisti con partita IVA oppure studenti o pensionati o persone già inquadrate dal punto di vista lavorativo, disponibili ad incarichi temporanei per guadagnare (legalmente ed in maniera trasparente, assicurano i founder), grazie alle proprie competenze.

Vicker

Luca Menti e Matteo Cracco, co-founder di Vicker

La tecnologia che ci dà una mano…

«Con Vicker  – spiega Matteo Cracco, uno dei due founder – si può, in tempo reale, richiedere un imbianchino che colori le pareti della stanza dei bambini mentre sono a scuola per farli rimanere a bocca aperta al loro ritorno, o sedute di estetica, per sé o per il proprio partner, o lezioni yoga a domicilio per lasciarsi alle spalle lo stress di un anno di lavoro. Ormai anche permettersi del tempo per comprare i regali ad amici e parenti è diventato un lusso e anche in questo caso la tecnologia, se concepita come abbiamo fatto noi creando Vicker per migliorare concretamente la vita delle persone, può darci una mano».

…in trasparenza

«Da qualsiasi punto di vista lo si analizzi il sistema che abbiamo creato non permette truffe o inganni ma opera nella piena trasparenza e legalità – aggiunge Luca Menti, l’altro founder della piattaforma – i lavoratori sono tutti assicurati, selezionati e verificati con colloqui individuali per testarne le attitudini e le capacità e i pagamenti sono tutti tracciati visto che si può optare tra carta di credito o PayPal». Come ulteriore garanzia ha detto ancora Menti «abbiamo introdotto un sistema di feedback incrociati tra lavoratori e persone che richiedono il servizio, in nome della trasparenza ma anche per aiutare ad orientarsi e a scegliere i nuovi utenti, che dei feedback degli altri fanno tesoro».

Le chiamano le “Uber del lavoro”: 3 startup (non italiane) che stanno correndo di più

Sempre più piattaforme offrono lavoretti a chiamata e che sono alla base della cosiddetta gig economy. E sono anche il modo migliore per le aziende di assicurarsi copertura nei momenti critici senza assumere stabilmente nuovi dipendenti: il trionfo dell’outsourcing

I Mooc di Harvard e MIT stanno perdendo studenti. E il motivo è semplice

Un’indagine realizzata su 290 corsi delle due università americane ha rintracciato nell’introduzione del pagamento delle certificazioni una delle cause della crisi. Sotto osservazione anche la proliferazione dei corsi a contenuto specialistico che porta gli studenti a distribuirsi

Open hardware e agricoltura di precisione per sostenere le PMI agricole. Il progetto RuralHack

Se ne parla al Country Hack Fest il 22 gennaio: il punto sul rapporto tra digitale e territorio rurale, verso un futuro nel quale tecnologie e sostenibilità saranno protagonisti di un cambiamento radicale della cultura di approccio alla terra

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli