Adabra (Nana Bianca) chiude un round da 1,1M. Dentro anche A11 Venture

Aumento di capitale per la startup che ha sviluppato una piattaforma di Marketing Automation Omnichannel. Gian Mario Infelici (Ceo): «Grazie ad Adabra è possibile avere pieno controllo del dialogo con gli utenti del proprio e-commerce ed in generale dei vari canali fisici e digitali»

Big data e algoritmi di machine learning per aumentare le performance ed i risultati dei digital brand. Questi i caratteri peculiari di Adabra, la piattaforma di Marketing Automation Omnichannel, sviluppata da Ad Spray e startup accelerata da Nana Biancache ha chiuso un round da 1,1 milioni di euro. Con l’aumento di capitale entrano soci finanziari e industriali che le consentiranno di accelerare la crescita della piattaforma. Tra i nuovi soci anche A11 Venture. Nel corso del 2016 Adabra ha ricevuto importanti riconoscimenti: a novembre 2016 Adabra è stata selezionata tra le migliori 50 startup italiane all’interno del TechTour tenutosi per la prima volta quest’anno a Roma. A dicembre 2016 è stata selezionata tra le 30 migliori startup italiane all’interno del di Slush (Helsinki) e che l’hanno vista presente nella delegazione italiana organizzata dal Ministero dello Sviluppo Economico. Sempre a Dicembre 2016 Adabra è stata inserita nella delegazione in visita a Bruxelles (presso il Parlamento Europeo) per rappresentare le eccellenze italiane in ambito tecnologico.

Leggi anche: Un nuovo modo di fare funding, nasce Club Acceleratori e investe 1,6M in 7 startup. Eccole

 

Adabra

«Questo nuovo Round permetterà ad Adabra di strutturare la propria presenza sul mercato – spiega il CEO Gian Mario Infelici – a partire da gennaio 2017 avremo una nuova sede a Milano, tappa significativa per tutti noi che avremo così a disposizione una sede con maggiore vocazione commerciale e che consentirà di offrire un servizio di assistenza e consulenza di qualità eccellente. Tutti i nostri team verranno potenziati: dal dipartimento tecnico a quello commerciale e marketing». Aggiunge Gian Mario Infelici: «Grazie ad Adabra è possibile avere pieno controllo del dialogo con gli utenti del proprio e-commerce ed in generale dei vari canali fisici e digitali. Attraverso una consolle centralizzata è possibile modificare la comunicazione, ottimizzare il rapporto con il customer service, migliorare il livello di story telling attraverso i canali digitali e non». Di soluzione che mette in connessione «il mondo on-line con il mondo off-line aumentando la fidelizzazione dei clienti e il loro life time value» ha parlato Federico Davini di A11 Venture.

Leggi anche: Ecco le 55 startup italiane a caccia di investitori a Londra per Unbound digital

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure