Adabra (Nana Bianca) chiude un round da 1,1M. Dentro anche A11 Venture

Aumento di capitale per la startup che ha sviluppato una piattaforma di Marketing Automation Omnichannel. Gian Mario Infelici (Ceo): «Grazie ad Adabra è possibile avere pieno controllo del dialogo con gli utenti del proprio e-commerce ed in generale dei vari canali fisici e digitali»

Big data e algoritmi di machine learning per aumentare le performance ed i risultati dei digital brand. Questi i caratteri peculiari di Adabra, la piattaforma di Marketing Automation Omnichannel, sviluppata da Ad Spray e startup accelerata da Nana Biancache ha chiuso un round da 1,1 milioni di euro. Con l’aumento di capitale entrano soci finanziari e industriali che le consentiranno di accelerare la crescita della piattaforma. Tra i nuovi soci anche A11 Venture. Nel corso del 2016 Adabra ha ricevuto importanti riconoscimenti: a novembre 2016 Adabra è stata selezionata tra le migliori 50 startup italiane all’interno del TechTour tenutosi per la prima volta quest’anno a Roma. A dicembre 2016 è stata selezionata tra le 30 migliori startup italiane all’interno del di Slush (Helsinki) e che l’hanno vista presente nella delegazione italiana organizzata dal Ministero dello Sviluppo Economico. Sempre a Dicembre 2016 Adabra è stata inserita nella delegazione in visita a Bruxelles (presso il Parlamento Europeo) per rappresentare le eccellenze italiane in ambito tecnologico.

Leggi anche: Un nuovo modo di fare funding, nasce Club Acceleratori e investe 1,6M in 7 startup. Eccole

 

Adabra

«Questo nuovo Round permetterà ad Adabra di strutturare la propria presenza sul mercato – spiega il CEO Gian Mario Infelici – a partire da gennaio 2017 avremo una nuova sede a Milano, tappa significativa per tutti noi che avremo così a disposizione una sede con maggiore vocazione commerciale e che consentirà di offrire un servizio di assistenza e consulenza di qualità eccellente. Tutti i nostri team verranno potenziati: dal dipartimento tecnico a quello commerciale e marketing». Aggiunge Gian Mario Infelici: «Grazie ad Adabra è possibile avere pieno controllo del dialogo con gli utenti del proprio e-commerce ed in generale dei vari canali fisici e digitali. Attraverso una consolle centralizzata è possibile modificare la comunicazione, ottimizzare il rapporto con il customer service, migliorare il livello di story telling attraverso i canali digitali e non». Di soluzione che mette in connessione «il mondo on-line con il mondo off-line aumentando la fidelizzazione dei clienti e il loro life time value» ha parlato Federico Davini di A11 Venture.

Leggi anche: Ecco le 55 startup italiane a caccia di investitori a Londra per Unbound digital

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti