Travel Appeal ti organizza il soggiorno in hotel su Facebook

Grazie al motore di intelligenza artificiale di Travel Appeal, Best Friend ti aiuta a pianificare il soggiorno in hotel con un assistente virtuale attivo su Facebook Messenger. Il progetto è sviluppato in collaborazione con Best Western Italia

E’ un chatbot dedicato al settore alberghiero, un assistente virtuale attivo su Facebook Messenger pensato per facilitare la conversazione con l’ospite, innovare e introdurre nuovi spazi di relazione. Si chiama Best Friend, l’ha sviluppato Travel Appeal, la startup di H-FARM che si occupa di big data analytics per il turismo (fondata nel 2014, ha un team di 9 persone. Founder e ceo Mirko Lalli). Best Friend sarà disponibile nella primavera del 2017. Il progetto è nato dalla collaborazione di Travel Appeal con Best Western ItaliaTravel Appeal e Best Western Italia hanno annunciato il progetto, al momento alle finali fasi di test, dal palco dell’Assemblea dei Soci Best Western che si è svolta nel corso di BTO (Il Buy Tourism Online, in programma a Firenze fra la fine di novembre e dicembre).

Facebook

Il team di Travel Appeal

Come funziona

Best Friend funziona come un customer support e aiuta il cliente a disegnare nei minimi dettagli il proprio soggiorno in hotel, con soluzioni sempre personalizzate e aderenti alle sue esigenze. Attivo h24, si consulta su tablet e smartphone: contestualmente alla prenotazione il cliente riceve l’invito a collegarsi alla pagina Facebook dell’albergo. A collegamento avvenuto, l’ assistente virtuale compare nella chat dell’utente ed è pronto a rispondere alle domande e a fornire informazioni sul soggiorno. Sfruttando il motore di intelligenza artificiale di Travel Appeal sa analizzare e interpretare preferenze, gusti e attitudini di ciascun utente, suggerendo opportunità di intrattenimento sul territorio via chat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Le storie di 100 scienziate per abbattere gli stereotipi: appuntamento alla Fondazione Bracco

Nel giorno della festa della donna, la Fondazione Bracco presenta un libro in cui parlano matematiche, informatiche, astrofisiche, chimiche, neuropsichiatre, biologhe: raccontano i loro successi per offrire una lettura diversa della condizione delle donne nella scienza