Travel Appeal ti organizza il soggiorno in hotel su Facebook

Grazie al motore di intelligenza artificiale di Travel Appeal, Best Friend ti aiuta a pianificare il soggiorno in hotel con un assistente virtuale attivo su Facebook Messenger. Il progetto è sviluppato in collaborazione con Best Western Italia

E’ un chatbot dedicato al settore alberghiero, un assistente virtuale attivo su Facebook Messenger pensato per facilitare la conversazione con l’ospite, innovare e introdurre nuovi spazi di relazione. Si chiama Best Friend, l’ha sviluppato Travel Appeal, la startup di H-FARM che si occupa di big data analytics per il turismo (fondata nel 2014, ha un team di 9 persone. Founder e ceo Mirko Lalli). Best Friend sarà disponibile nella primavera del 2017. Il progetto è nato dalla collaborazione di Travel Appeal con Best Western ItaliaTravel Appeal e Best Western Italia hanno annunciato il progetto, al momento alle finali fasi di test, dal palco dell’Assemblea dei Soci Best Western che si è svolta nel corso di BTO (Il Buy Tourism Online, in programma a Firenze fra la fine di novembre e dicembre).

Facebook

Il team di Travel Appeal

Come funziona

Best Friend funziona come un customer support e aiuta il cliente a disegnare nei minimi dettagli il proprio soggiorno in hotel, con soluzioni sempre personalizzate e aderenti alle sue esigenze. Attivo h24, si consulta su tablet e smartphone: contestualmente alla prenotazione il cliente riceve l’invito a collegarsi alla pagina Facebook dell’albergo. A collegamento avvenuto, l’ assistente virtuale compare nella chat dell’utente ed è pronto a rispondere alle domande e a fornire informazioni sul soggiorno. Sfruttando il motore di intelligenza artificiale di Travel Appeal sa analizzare e interpretare preferenze, gusti e attitudini di ciascun utente, suggerendo opportunità di intrattenimento sul territorio via chat.

Le chiamano le “Uber del lavoro”: 3 startup (non italiane) che stanno correndo di più

Sempre più piattaforme offrono lavoretti a chiamata e che sono alla base della cosiddetta gig economy. E sono anche il modo migliore per le aziende di assicurarsi copertura nei momenti critici senza assumere stabilmente nuovi dipendenti: il trionfo dell’outsourcing

I Mooc di Harvard e MIT stanno perdendo studenti. E il motivo è semplice

Un’indagine realizzata su 290 corsi delle due università americane ha rintracciato nell’introduzione del pagamento delle certificazioni una delle cause della crisi. Sotto osservazione anche la proliferazione dei corsi a contenuto specialistico che porta gli studenti a distribuirsi

Open hardware e agricoltura di precisione per sostenere le PMI agricole. Il progetto RuralHack

Se ne parla al Country Hack Fest il 22 gennaio: il punto sul rapporto tra digitale e territorio rurale, verso un futuro nel quale tecnologie e sostenibilità saranno protagonisti di un cambiamento radicale della cultura di approccio alla terra

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli