Il primo anno di Invitalia Ventures: nel 2016 investiti 23 milioni in 11 startup e Pmi

Il 2016 è stato anche l’anno dello “startup” per Invitalia Ventures, il fondo di co-investimento guidato da Salvo Mizzi. Qui tutti i numeri dei round e i progetti finanziati

Il fondo di co-investimento Italia Venture I, gestito da Invitalia Ventures SGR, ha diffuso i numeri del suo primo anno di attività: 11 investimenti in startup e Pmi innovative, quasi 8 milioni di euro investiti in round di investimento di serie A post seed, per un ammontare complessivo di circa 23 milioni di euro.

invitalia-investimenti2016_copertina

Per conoscere i dettagli delle operazioni bisognerà attendere i primi giorni di gennaio 2017. Sappiamo già, comunque, che sempre a gennaio saranno perfezionati altri 2 investimenti, in round dal valore di circa 4 milioni.

Gli 11 round co-investiti da Invitalia Ventures

Dopo 5 operazioni registrate già nel primo semestre (Sardex, D-Eye, Tensive, Zehus, Echolight), altri 6 investimenti sono stati infatti finalizzati tra ottobre e dicembre: Empatica, 40 South Energy, Floome, Vino75, Pedius e Remoria.

“Con questi risultati – si legge, in una nota diffusa dalla società – Invitalia Ventures genera un effetto leva decisivo sull’ecosistema dell’innovazione in Italia e sostiene concretamente la crescita del Venture Capital nazionale, finalmente in ripresa dopo anni di fallimento di mercato”.

Analizzati mille progetti in un anno

Nel corso del 2016, il team di investimento ha analizzato mille progetti e Invitalia Ventures ha investito trasversalmente sui diversi settori dell’innovazione a forte contenuto tecnologico (internet, cleantech, energy, e-health & data, medtech, biotech, VR, fintech) e con un grande impatto sociale ed economico, coinvolgendo partner finanziari ed industriali non solo italiani ma anche di rilievo internazionale.

Salvo Mizzi, Ceo Invitalia Ventures

Salvo Mizzi, Ceo Invitalia Ventures

A tracciare un consuntivo del primo anno di attività è il Ceo di Invitalia Ventures, Salvo Mizzi: «Con i risultati raggiunti già nel primo anno di attività confermiamo tutti gli obiettivi: cominciare a risolvere il fallimento di mercato della Venture Industry, investire nelle migliori startup dell’ecosistema italiano ed attrarre smart capital internazionali». «Invitalia Ventures – ha proseguito Mizzi – è oggi la piattaforma nazionale dell’innovazione a sostegno dei progetti e dei talenti italiani. Grazie alla collaborazione di tutti i nostri partner finanziari, universitari ed industriali. Un ringraziamento particolare va ai nostri sottoscrittori pubblici e privati e al team di investimento per il grande lavoro svolto».

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti