Il primo anno di Invitalia Ventures: nel 2016 investiti 23 milioni in 11 startup e Pmi

Il 2016 è stato anche l’anno dello “startup” per Invitalia Ventures, il fondo di co-investimento guidato da Salvo Mizzi. Qui tutti i numeri dei round e i progetti finanziati

Il fondo di co-investimento Italia Venture I, gestito da Invitalia Ventures SGR, ha diffuso i numeri del suo primo anno di attività: 11 investimenti in startup e Pmi innovative, quasi 8 milioni di euro investiti in round di investimento di serie A post seed, per un ammontare complessivo di circa 23 milioni di euro.

invitalia-investimenti2016_copertina

Per conoscere i dettagli delle operazioni bisognerà attendere i primi giorni di gennaio 2017. Sappiamo già, comunque, che sempre a gennaio saranno perfezionati altri 2 investimenti, in round dal valore di circa 4 milioni.

Gli 11 round co-investiti da Invitalia Ventures

Dopo 5 operazioni registrate già nel primo semestre (Sardex, D-Eye, Tensive, Zehus, Echolight), altri 6 investimenti sono stati infatti finalizzati tra ottobre e dicembre: Empatica, 40 South Energy, Floome, Vino75, Pedius e Remoria.

“Con questi risultati – si legge, in una nota diffusa dalla società – Invitalia Ventures genera un effetto leva decisivo sull’ecosistema dell’innovazione in Italia e sostiene concretamente la crescita del Venture Capital nazionale, finalmente in ripresa dopo anni di fallimento di mercato”.

Analizzati mille progetti in un anno

Nel corso del 2016, il team di investimento ha analizzato mille progetti e Invitalia Ventures ha investito trasversalmente sui diversi settori dell’innovazione a forte contenuto tecnologico (internet, cleantech, energy, e-health & data, medtech, biotech, VR, fintech) e con un grande impatto sociale ed economico, coinvolgendo partner finanziari ed industriali non solo italiani ma anche di rilievo internazionale.

Salvo Mizzi, Ceo Invitalia Ventures

Salvo Mizzi, Ceo Invitalia Ventures

A tracciare un consuntivo del primo anno di attività è il Ceo di Invitalia Ventures, Salvo Mizzi: «Con i risultati raggiunti già nel primo anno di attività confermiamo tutti gli obiettivi: cominciare a risolvere il fallimento di mercato della Venture Industry, investire nelle migliori startup dell’ecosistema italiano ed attrarre smart capital internazionali». «Invitalia Ventures – ha proseguito Mizzi – è oggi la piattaforma nazionale dell’innovazione a sostegno dei progetti e dei talenti italiani. Grazie alla collaborazione di tutti i nostri partner finanziari, universitari ed industriali. Un ringraziamento particolare va ai nostri sottoscrittori pubblici e privati e al team di investimento per il grande lavoro svolto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina