Ernesto, la nuova piattaforma dei micro-lavori

La piattaforma ideata da Riccardo de Bernardinis, offre la possibilità di trovare in rete professionisti utili a lavori casalinghi e non solo

Si chiama Ernesto la piattaforma ideata da Riccardo de Bernardinis che offre la possibilità di trovare in rete professionisti utili a lavori casalinghi e non solo.

Ernesto nasce da una doppia esigenza: quella di dare la possibilità ai lavoratori di avere una propria vetrina e di mettersi in rete, e quella di rispondere alle esigenze di chi non sa a chi rivolgersi quando ha qualche problema in casa.

ernesto-handyman

«Ernesto – spiega de Bernardinis – si pone come ‘consulente di fiducia’ che diviene comune denominatore tra richiesta e offerta di lavoro. Attento e disponibile, attraverso i suoi servizi promuove una ‘nuova cultura’ delle dinamiche del lavoro sul territorio. Genera un vero e proprio ‘spazio sociale’ – aggiunge – utile al sostentamento del singolo lavoratore e delle PMI per promuovere e incentivare lo scambio tra i bisogni compatibili di chi offre e chi richiede, in una dimensione digitale immediata ed efficace».

Ernesto offre gratuitamente (in questa fase early stage) ai diversi lavoratori presenti sul sito, la possibilità di avere uno spazio per promuoversi e trovare quel lavoro che faticano a rimediare con i metodi tradizionali.

ernesto

«Già in poco tempo – spiega l’ideatore – abbiamo superato i 2000 lavoratori iscritti e la piattaforma è in continua crescita, nonostante si sia appena affacciata sul mercato. La gente sta cominciando a capire qual è l’idea originaria di questo progetto che mi è venuto in mente pensando a mio nonno che viveva in un paese del sud Italia. Mi raccontava sempre di un suo caro amico, Ernesto appunto, come di un personaggio amato da tutti incline ad aiutare il prossimo, una persona affidabile e disponibile. Oggi, nell’era tecnologica, ho voluto creare un’umanizzazione digitale di Ernesto, visto come uomo di fiducia». Da lì è partito tutto e in nove mesi è stata sviluppata l’idea grazie a un gruppo di programmatori e creativi.

«Siamo ancora in fase beta di ricerca e sviluppo – conclude de Bernardinis – al fine di identificare al meglio il nostro target e il modello di business più efficace. Ci diamo ancora un po’ di tempo e poi sapremo dare un’identità ancora più definita al nostro Ernesto».

Ernesto è disponibile sul sito web e in versione App per i sistemi operativi iOS e Android –

Un Commento a “Ernesto, la nuova piattaforma dei micro-lavori”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup