Il biglietto a prezzo variabile anche nelle partite di calcio (come per i voli). DynamiTick

La Virtus Entella sarà la prima società italiana di calcio a introdurre il prezzo del biglietto variabile grazie ad un sistema di algoritmi ideato dalla startup

Succede già per i voli aerei, i viaggi e il cinema. Ora tocca anche al calcio. Stiamo parlando del prezzo dei biglietti, che, per la prima volta, diventa variabile anche ai botteghini degli stadi. Variabile, in base a momento d’acquisto, avversario, condizioni meteorologiche. E con un prezzo che può oscillare anche del 40%. A sviluppare il sistema la startup DynamiTick. Il “nuovo” ticket sarà introdotto a partire dal girone di ritorno del Campionato Italiano di Serie B con il match Virtus Entella – Frosinone in programma il 21 gennaio 2017. L’accordo è stato siglato presso Wylab, incubatore verticale focalizzato sulle tecnologie applicate allo sport.
Nel dettaglio, il costo dei biglietti di ogni partita sarà calcolato incrociando variabili come l’orario, l’anticipo con cui si acquista il proprio ticket, ma anche le condizioni meteorologiche, il blasone della squadra ospite e la rivalità, la probabilità di assistere a tanti gol nella partita. Aspetti analizzati dagli algoritmi di intelligenza artificiale di DynamiTick, già utilizzati in Italia nel cinema, permettendo alle sale partner di registrare in pochi mesi aumenti dell’affluenza di spettatori e dei ricavi. Dall’avvio nel maggio 2016, i cinema che hanno adottato un sistema di prezzo variabile hanno registrato un aumento del 15% degli spettatori e del 13% del fatturato. Il dynamic ticket pricing permette di modulare i prezzi in base alla domanda del mercato, ai risultati di vendita e alle oscillazioni di specifiche variabili, offrendo l’opportunità di incrementare la presenza di spettatori e contenere i biglietti invenduti.

Dynamitick

Così entriamo in campo

«Siamo orgogliosi di annunciare l’accordo con la Virtus Entella che segna il nostro ingresso nel mercato del calcio – ha dichiarato Federico Quarato, ceo di DynamiTick – ci auguriamo che questa partnership possa aprire la strada al rinnovamento del ticketing per tutta l’industria dello sport italiano. Una delle ragioni di questo stato risiede proprio nel calo di pubblico negli stadi e nei palazzetti sportivi. Un fenomeno che ha molteplici ragioni e tra queste ci sono le errate strategie di pricing. Vendere al prezzo corretto significa riallacciare un rapporto trasparente con i propri tifosi».

Un round di 350 mila euro

DynamiTick è una startup costituita da quattro giovani professionisti under 30 che provengono da esperienze lavorative molto diverse e hanno sviluppato competenze trasversali: Federico Quarato, Chief Executive Officer, Milo Corcione, Chief Operating Officer, Marco Alò, Chief Financial Officer, Massimo Dell’Erba, Chief Technical Officer. DynamiTick ha iniziato la sua attività a febbraio 2015 e ha il 1 febbraio 2016 il suo percorso di accelerazione presso LUISS Enlabs. A dicembre 2016, ha chiuso un aumento di capitale, aperto al termine del programma d’accelerazione di LUISS Enlabs nell’estate del 2016, per 350 mila euro. Fra gli investitori che hanno partecipato all’operazione anche Shark Bites, il cui azionista di riferimento è Fabio Cannavale, fondatore e CEO di Lastminute.com.

 Leggi anche: Come è possibile che i biglietti dei Coldplay siano spariti. Intervista a Quarato, Dynamitick

 

Leggi anche: Chiusi 6 round in 2 settimane. Quali sono le 6 startup che completano gli investimenti 2016 del portfolio LVenture

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure