Accordo axélero – International Accelerator per sostenere le startup europee

axélero farà leva sul proprio know-how per identificare e valutare le migliori startup da segnalare a IA che ne stimerà il potenziale per il mercato del Nord America ed il conseguente inserimento nel proprio programma

axélero S.p.A., Internet Company quotata sul mercato AIM Italia e market maker digitale ad alto tasso di innovatività che offre soluzioni digitali a PMI e grandi aziende, e International Accelerator, network di accelerazione specializzato nel sostenere le startup estere che intendono accedere al mercato statunitense e necessitano di finanziamenti, annunciano l’avvio di una collaborazione strategica per lo scouting, la selezione e l’accelerazione di startup di comune interesse.

International Accelerator (IA) ha creato un network globale specializzato nel monitoraggio e nella selezione, a livello internazionale, di startup innovative attraverso il quale segnalerà ad axélero le realtà con il più alto potenziale e che strategicamente possano affiancarsi al modello di business dell’azienda italiana e risultare collocabili sul mercato italiano. Un’opportunità che consentirà alla Internet Company italiana di identificare in anticipo tecnologie, prodotti e servizi innovativi utili per la digitalizzazione delle PMI, della PA e delle grandi aziende. IA fornirà inoltre alle realtà già presenti in axéleroLab, divisione di axélero dedicata all’accelerazione di startup sinergiche con il proprio business, una valutazione sulla potenziale espansione verso il mercato nordamericano con particolare attenzione ai trend che lo governano. Un’interessante prospettiva per axéleroLab che ha recentemente lanciato Ristoranti.it, la piattaforma all’avanguardia dedicata al mondo della ristorazione che permette ai ristoranti di offrire servizi digitali ai propri clienti in totale autonomia e che dà loro il pieno controllo delle consegne a domicilio collegando tra di loro, tramite app, ristoranti, driver e clienti.

costantino_caroppo-300x230

axélero a sua volta, farà leva sul proprio know-how per identificare e valutare le migliori startup da segnalare a IA che ne stimerà il potenziale per il mercato del Nord America ed il conseguente inserimento nel proprio programma.

L’accordo costituisce un importante canale di sviluppo per gli imprenditori digitali italiani: le startup selezionate potranno usufruire delle competenze di axélero, tra cui l’ampia e capillare rete di vendita, e dell’opportunità di espandersi sul mercato nordamericano grazie al supporto e ai finanziamenti di IA. Le startup inserite nel programma di IA saranno affiancate nell’elaborazione del business plan, nonché nella gestione, execution e interazione con decision maker e investitori, oltre a ricevere supporto a livello burocratico per quanto riguarda l’inserimento nel mercato U.S.A. e il complicato sistema fiscale statunitense. Le aziende selezionate da IA riceveranno inoltre finanziamenti sotto forma di un’obbligazioni convertibili.

«Questo accordo rappresenta un passo importante nell’ambito dell’innovazione strategica cui punta axélero. Avere un radar globale in grado di identificare le più giovani e innovative startup dell’arena digitale, ci permette di conoscere, plasmare e anticipare i trend e portare sul mercato i prodotti e i servizi del futuro» ha sottolineato Costantino Caroppo, Chief Business Strategy Officer di axélero. «Allo stesso tempo l’accordo è un’opportunità per le startup italiane ed europee che dimostrano sinergie con il nostro business model, perché consentirà loro di avere accesso al mercato nordamericano grazie al nostro partner».

«Siamo lieti di avviare un accordo di questo tipo con un’azienda del calibro di axélero. Il nostro obiettivo è creare nuove opportunità e aiutare le startup innovative ad eccellere. Riteniamo che questo accordo avvierà una spirale virtuosa in Italia e negli Stati Uniti» ha affermato Angelos Angelou, Fondatore e CEO di International Accelerator.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti