Nuova funzione di Google Maps: ci aiuterà a trovare parcheggio

Google ne ha pensata una che nella sua semplicità è geniale, perché risolve una questione fondamentale per gli automobilisti: il parcheggio

google-maps-parcheggio

Con l’upgrade di Google Maps alla versione 9.44 (solo per Android) gli utenti oltre a tempo di arrivo e distanza, vedranno comparire un nuovo simbolo tra le informazioni della destinazione: una “P”, che sarà di colore blu per le opzioni di parcheggio “Easy” o “Medium”, e rosso in caso di difficoltà a reperirne.

Presto in tempo reale (come Waze)

Gli sviluppatori Android hanno informato che la funzionalità verrà visualizzata solo dagli utenti diretti a spazi pubblici come aeroporti, centri commerciali e ristoranti. E va detto anche che il volume di traffico non è in tempo reale, ma solo un’indicazione di quanto sia facile o difficile, mediamente, trovare parcheggio in quella determinata area. Anche se è facile ipotizzare che dalle parti di Mountain View stiano già pensando a come mettere a reddito i dati di geolocalizzazione dei singoli utilizzatori del servizio Maps per rendere al più presto il servizio realtime. Anche e soprattutto per integrare le funzionalità e la community della piattaforma collaborativa Waze, acquisita da Big G tre anni fa.

Quanto tempo (e soldi) sprechiamo per parcheggiare

La ricerca quotidiana di posti dove parcheggiare l’automobile è una delle cause maggiori della formazione del traffico nelle grandi città. Secondo diversi report, infatti, circa il 30% della congestione stradale dipende proprio dalle persone in cerca di parcheggio. La nuova funzionalità di Google Maps dovrebbe contribuire a ridurre in parte questo problema, poiché se l’automobilista sa di non sprecare 15 minuti del suo tempo per un parcheggio che potrebbe non esserci, probabilmente sceglierà una soluzione di trasporto diversa.

Negli Usa, secondo uno studio, la ricerca di massa di parcheggi fa sprecare ogni anno agli automobilisti circa 1,5 milioni di chilometri e 48 mila litri di carburante.

@aldopecora

WakeUp Influencer Bank: una banca per tutti quelli che contano sui social

L’agenzia di comunicazione pugleise WakeUp ha messo a punto un algoritmo che lancerà a settembre che raccoglierà gli utenti più attivi sui social, che vogliono guadagnare attraverso il proprio profilo. I compensi vanno da oggetti a viaggi, a denaro contante

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Grind2energy: dai diamanti non nasce niente, dalla spazzatura nasce energia

In Winsconsin gli scarti alimentari prodotti dai supermercati e dai ristoranti diventano fonte per la produzione di combustibile. Un sistema per abbattere i rifiuti solidi e produrre energia in modo sostenibile

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Game of Thrones, ancora minacce da Mr. Smith

I sedicenti hacker che avrebbero violato il network di HBO tornano alla carica. Promettendo di rilasciare il finale della settima stagione del Trono di Spade prima della messa in onda