Nuova funzione di Google Maps: ci aiuterà a trovare parcheggio

Google ne ha pensata una che nella sua semplicità è geniale, perché risolve una questione fondamentale per gli automobilisti: il parcheggio

google-maps-parcheggio

Con l’upgrade di Google Maps alla versione 9.44 (solo per Android) gli utenti oltre a tempo di arrivo e distanza, vedranno comparire un nuovo simbolo tra le informazioni della destinazione: una “P”, che sarà di colore blu per le opzioni di parcheggio “Easy” o “Medium”, e rosso in caso di difficoltà a reperirne.

Presto in tempo reale (come Waze)

Gli sviluppatori Android hanno informato che la funzionalità verrà visualizzata solo dagli utenti diretti a spazi pubblici come aeroporti, centri commerciali e ristoranti. E va detto anche che il volume di traffico non è in tempo reale, ma solo un’indicazione di quanto sia facile o difficile, mediamente, trovare parcheggio in quella determinata area. Anche se è facile ipotizzare che dalle parti di Mountain View stiano già pensando a come mettere a reddito i dati di geolocalizzazione dei singoli utilizzatori del servizio Maps per rendere al più presto il servizio realtime. Anche e soprattutto per integrare le funzionalità e la community della piattaforma collaborativa Waze, acquisita da Big G tre anni fa.

Quanto tempo (e soldi) sprechiamo per parcheggiare

La ricerca quotidiana di posti dove parcheggiare l’automobile è una delle cause maggiori della formazione del traffico nelle grandi città. Secondo diversi report, infatti, circa il 30% della congestione stradale dipende proprio dalle persone in cerca di parcheggio. La nuova funzionalità di Google Maps dovrebbe contribuire a ridurre in parte questo problema, poiché se l’automobilista sa di non sprecare 15 minuti del suo tempo per un parcheggio che potrebbe non esserci, probabilmente sceglierà una soluzione di trasporto diversa.

Negli Usa, secondo uno studio, la ricerca di massa di parcheggi fa sprecare ogni anno agli automobilisti circa 1,5 milioni di chilometri e 48 mila litri di carburante.

@aldopecora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era