Babaiola selezionata per Start-up Chile

La realtà del Travel & Entertainment LGBT è tra le 100 selezionate del 17esimo programma di accelerazione promosso da Start-up Chile

Il Cile sta diventando uno degli hub dell’innovazione mondiale. Come? Grazie soprattutto a un programma, Start-up Chile, lanciato nel 2010 dal governo Cileno per attrarre giovani imprenditori da tutto il mondo, e soprattutto le loro idee ad alto potenziale, mettendo a disposizione l’ecosistema economico locale quale piattaforma di decollo per guardare al pianeta.

Sul piatto sei mesi di incubazione, un finanziamento equity free da 35mila dollari e il visto lavorativo di un anno ai team delle varie startup selezionate per le diverse edizioni. Alla diciassettesima edizione, scelte fra quasi 2.000 candidati, partecipa anche babaiola.com.

babaiola

Dietro a babaiola.com, prima community di travel & entertainment dedicata ai viaggiatori LGBT, ci sono tre giovani sardi: Nicola Usala, Federica Saba ed Enrico Garia.

«Il 6 dicembre siamo stati selezionati per il 17esimo programma di Start-up Chile. Nel 2016, abbiamo concentrato il nostro lavoro sulla nostra piattaforma e la costruzione della community, è un’immensa soddisfazione poter far parte del più importante programma mondiale di accelerazione per startup – racconta Nicola Usala, CEO di babaiola.com– a breve voleremo a Santiago dove per sei mesi avremo la possibilità di lavorare a tempo pieno sulla nostra startup e di entrare a contatto con investitori, advisor e mentor internazionali».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Magnocavallo (Tannico): La Digital Transformation? Marcia in più per il settore vitivinicolo

Con il ceo della startup parliamo di Gli Impatti della Digital Transformation sul settore Agrifood, il report di Cisco Italia e Dti. «Chi fa investimenti importanti sulle tecnologie produttive spesso riesce ad avere prodotti con qualità uniforme e di alto livello»

A Dubai entra in servizio Reem, il primo poliziotto robot

Frutto della collaborazione tra il dipartimento di polizia della città degli Emirati Arabi, Google e IBM, il moderno Robocop potrà interagire con i cittadini grazie all’intelligenza artificiale e sarà sempre in connessione con i colleghi umani per segnalare situazioni sospette