Babaiola selezionata per Start-up Chile

La realtà del Travel & Entertainment LGBT è tra le 100 selezionate del 17esimo programma di accelerazione promosso da Start-up Chile

Il Cile sta diventando uno degli hub dell’innovazione mondiale. Come? Grazie soprattutto a un programma, Start-up Chile, lanciato nel 2010 dal governo Cileno per attrarre giovani imprenditori da tutto il mondo, e soprattutto le loro idee ad alto potenziale, mettendo a disposizione l’ecosistema economico locale quale piattaforma di decollo per guardare al pianeta.

Sul piatto sei mesi di incubazione, un finanziamento equity free da 35mila dollari e il visto lavorativo di un anno ai team delle varie startup selezionate per le diverse edizioni. Alla diciassettesima edizione, scelte fra quasi 2.000 candidati, partecipa anche babaiola.com.

babaiola

Dietro a babaiola.com, prima community di travel & entertainment dedicata ai viaggiatori LGBT, ci sono tre giovani sardi: Nicola Usala, Federica Saba ed Enrico Garia.

«Il 6 dicembre siamo stati selezionati per il 17esimo programma di Start-up Chile. Nel 2016, abbiamo concentrato il nostro lavoro sulla nostra piattaforma e la costruzione della community, è un’immensa soddisfazione poter far parte del più importante programma mondiale di accelerazione per startup – racconta Nicola Usala, CEO di babaiola.com– a breve voleremo a Santiago dove per sei mesi avremo la possibilità di lavorare a tempo pieno sulla nostra startup e di entrare a contatto con investitori, advisor e mentor internazionali».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.