Papèm (fashion retail) chiude un round da 430K

La startup festeggia il suo primo anno di vita con un un finanziamento che le permetterà di espandersi in altre città italiane e di sviluppare nuove funzionalità

Papèm ha chiuso un round di finanziamento di 430 mila euro con un gruppo di business angel. La startup, guidata da Alberto Lo Bue, Carlo Alberto Lipari e Roberto Pirrone ha anche annunciato l’espansione nel corso del 2017 in altre città italiane e il lancio di una nuova versione dell’app per iOS e Android. Il finanziamento sarà destinato alla crescita in nuove città e all’implementazione di nuove funzionalità.

Papèm

Papèm – il team

Vendite multicanale, +40% ogni anno

«La chiusura di questo round costituisce un passo fondamentale per Papèm e per la sua crescita – ha dichiarato Alberto Lo Bue, 26 anni, CEO e co-founder  di Papèm, ed ex data scientist a Rocket Internet – il mercato delle vendite multi-canale è immenso e con una crescita del +40% year over year. Se consideriamo esclusivamente le grandi città nel mondo, le vendite in negozio influenzate dal mobile valgono circa 31 miliardi di euro. Per molti dei nostri partner, Papèm – ha aggiunto – è l’unica presenza mobile e i risultati di Milano e Palermo dimostrano come l’app abbia il potenziale per diventare il migliore compagno di shopping, in grado di supportare il consumatore su diversi touchpoint da casa, in mobilità, e all’interno dei punti vendita»

Che fa Papèm

Lanciata a inizio 2016 a Milano e Palermo, Papèm è  un’app per smartphone che consente di trovare informazioni, su base geo-localizzata, su prodotti e negozi di abbigliamento e design in città. Gli utenti della community possono informarsi sull’offerta di prodotti dei negozi intorno a loro, scoprire le promozioni riservate esclusivamente alla community, ed essere ricompensati con punti e premi per aver visitato i negozi partner.

I numeri

La startup festeggia il suo primo anno di vita dichiarando una crescita di utenti del 20% al mese e con più di 200 partner italiani e internazionali. Fra i 200 negozi partner anche Brooks Brothers, il gruppo PVH, Diesel, Mandarina Duck, Alberto Guardiani, Camicissima.

Raggiungere i clienti al momento giusto

Papèm permette ai brand di raggiungere i clienti al momento giusto con contenuti geo-localizzati. Da casa, per strada o anche all’interno del negozio, gli utenti hanno le informazioni necessarie per programmare il loro shopping, interagendo con i brand, conoscendo i loro prodotti. L’app dà visibilità ai prodotti presenti nei punti vendita del brand in tempo reale. Allo stesso tempo, grazie ad algoritmi basati su criteri geo-comportamentali, permette di portare in negozio visite che si trasformano in acquisto il doppio delle volte rispetto a quelle tradizionali. Infine, i brand possono monitorare costantemente la loro performance e accedere a dati e informazioni rilevanti a fini strategici. La società, attualmente presente a Milano e Palermo con un team di 10 persone, punta a raddoppiare l’organico entro i prossimi 12 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito