Papèm (fashion retail) chiude un round da 430K

La startup festeggia il suo primo anno di vita con un un finanziamento che le permetterà di espandersi in altre città italiane e di sviluppare nuove funzionalità

Papèm ha chiuso un round di finanziamento di 430 mila euro con un gruppo di business angel. La startup, guidata da Alberto Lo Bue, Carlo Alberto Lipari e Roberto Pirrone ha anche annunciato l’espansione nel corso del 2017 in altre città italiane e il lancio di una nuova versione dell’app per iOS e Android. Il finanziamento sarà destinato alla crescita in nuove città e all’implementazione di nuove funzionalità.

Papèm

Papèm – il team

Vendite multicanale, +40% ogni anno

«La chiusura di questo round costituisce un passo fondamentale per Papèm e per la sua crescita – ha dichiarato Alberto Lo Bue, 26 anni, CEO e co-founder  di Papèm, ed ex data scientist a Rocket Internet – il mercato delle vendite multi-canale è immenso e con una crescita del +40% year over year. Se consideriamo esclusivamente le grandi città nel mondo, le vendite in negozio influenzate dal mobile valgono circa 31 miliardi di euro. Per molti dei nostri partner, Papèm – ha aggiunto – è l’unica presenza mobile e i risultati di Milano e Palermo dimostrano come l’app abbia il potenziale per diventare il migliore compagno di shopping, in grado di supportare il consumatore su diversi touchpoint da casa, in mobilità, e all’interno dei punti vendita»

Che fa Papèm

Lanciata a inizio 2016 a Milano e Palermo, Papèm è  un’app per smartphone che consente di trovare informazioni, su base geo-localizzata, su prodotti e negozi di abbigliamento e design in città. Gli utenti della community possono informarsi sull’offerta di prodotti dei negozi intorno a loro, scoprire le promozioni riservate esclusivamente alla community, ed essere ricompensati con punti e premi per aver visitato i negozi partner.

I numeri

La startup festeggia il suo primo anno di vita dichiarando una crescita di utenti del 20% al mese e con più di 200 partner italiani e internazionali. Fra i 200 negozi partner anche Brooks Brothers, il gruppo PVH, Diesel, Mandarina Duck, Alberto Guardiani, Camicissima.

Raggiungere i clienti al momento giusto

Papèm permette ai brand di raggiungere i clienti al momento giusto con contenuti geo-localizzati. Da casa, per strada o anche all’interno del negozio, gli utenti hanno le informazioni necessarie per programmare il loro shopping, interagendo con i brand, conoscendo i loro prodotti. L’app dà visibilità ai prodotti presenti nei punti vendita del brand in tempo reale. Allo stesso tempo, grazie ad algoritmi basati su criteri geo-comportamentali, permette di portare in negozio visite che si trasformano in acquisto il doppio delle volte rispetto a quelle tradizionali. Infine, i brand possono monitorare costantemente la loro performance e accedere a dati e informazioni rilevanti a fini strategici. La società, attualmente presente a Milano e Palermo con un team di 10 persone, punta a raddoppiare l’organico entro i prossimi 12 mesi.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti