“Tu vo fa’ l’incubatore…” Il Mise decide i nuovi requisiti (e fa infuriare l’ecosistema)

Non più 400 ma almeno 500 metri quadri. Questi (e altri) i nuovi requisiti minimi per poter aprire un incubatore di startup. E su Facebook, da Kruger a Inguscio a Carnovale monta la polemica

“Ci serve spazio e ci serve in fretta”. Questo devono aver pensato i titolari di alcuni dei principali incubatori italiani di startup innovative. Sì, perché, il decreto del 22 febbraio 2013 relativo ai requisiti necessari per aprire incubatori di startup è stato modificato, cogliendo tutti alla sprovvista. La modifica è avvenuta con la pubblicazione di un aggiornamento sulla Gazzetta Ufficiale. Il decreto è già in vigore, in particolare dal dal 21 gennaio 2017.

Tech entrepreneurs gather at the offices of Y Combinator, a company based in Mountain View, Calif., that provides seed money to young startups. Founder Paul Graham predicts half of the startups funded by Y Combinator will ultimately fail.

Gli incubatori, adesso, per essere riconosciuti come tali, devono disporre di una superficie calpestabile di 100 metri quadri in più. Le norme precedenti parlavano di 400 metri quadri complessivi. Ora lo Stato dice che lo spazio minimo necessario per un incubatore sono 500 metri quadri. Cosa fare, dunque. Adeguarsi, ampliare i locali, trasferirsi? Certo non è facile per chi ha investito tutto quello che aveva in un locale (magari, non ampliabile) di 400 metri quadri.

Su Facebook i big criticano il provvedimento

Gli imprenditori che hanno scelto di ampliare i propri spazi per adeguarsi alla norma precedente, chiaramente, si lamentano. Ma cosa possono fare? Il problema degli incubatori è stato evidenziato da Francesco Inguscio, Ceo dell’acceleratore milanese Nuvolab. Anche Peter Kruger, 46 anni, Ceo di Startupbootcamp Foodtech, sta lottando perché ha lottato ed investito nel suo incubatore romano creando un ecosistema per startup del food e ottenendo investimenti di Barilla e Monini. Il suo spazio conta 420 metri quadrati e verrebbe “tagliato fuori”. I titolari degli spazi sono rimasti sorpresi. Sul gruppo Facebook “Italian Startup Scene” non si parla d’altro.

italian-startup-scene

Per Francesco Inguscio «un incubatore è fatto di persone e non di mura». Krueger, invece, dice che «per il nostro acceleratore Startupbootcamp FoodTech abbiamo preso l’anno scorso appositamente uno spazio di 400mq (420 per la precisione) proprio per rispondere ai requisiti di legge» e «i nostri investitori hanno investito anche sulla base dei benefici derivanti da tali requisiti». Gianmarco Carnevale aggiunge che «Roma Startup è a disposizione per un comunicato congiunto».

Quanti sono gli incubatori in Italia

Sono 36 gli incubatori italiani censiti da Infocamere: 3 in Emilia Romagna, 4 in Friuli-Venezia Giulia, 4 nel Lazio, 11 in Lombardia, 2 nelle Marche, 3 in Piemonte, 1 in Sardegna, 2 in Toscana, 1 in Trentino Alto Adige, 1 in Valle d’Aosta, 4 in Veneto.

La disciplina che regolamenta gli “incubatori certificati di startup” è la legge 221/2012. Per definizione, un incubatore è un’azienda che offre (anche non in maniera esclusiva) sostegno per la nascita o per lo sviluppo di startup innovative. Per essere considerato incubatore, uno spazio deve soddisfare dei requisiti.

Schermata 2017-02-01 alle 19.06.01

Nuovi requisiti, dunque, che portano in dote tante nuove domande. I parametri sono stati cambiati provando a tagliare fuori qualcuno? Per agevolare le strutture più grandi a discapito delle piccole? Non si sa. Certo, se si è giovani e con disponibilità economica ridotta, diventa molto difficile avviare un’azienda. Anche perché, gli incubatori servono a creare innovazione sul territorio. Già creare una startup è una strada difficile, che molti prendono sottogamba (come spiega bene il post di Aldo Pecora).

Incubatori anche senza spazi

Inguscio pone anche l’attenzione su una realtà come Y-Combinator, incubatore americano che è considerato “incubatore” nonostante non disponga di uno spazio fisico dove lavorare. In effetti, Inguscio parla di l’assenza di spazio dell’incubatore americano e conclude dicendo che «si conferma che l’innovazione in Italia si misura in metri quadrati». Alla fine, un incubatore è un’azienda che aiuta altre aziende a emergere, a trovare un mercato, a crescere, a trovare investitori.

@SM_SaraMauri

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti