“Oculus rubò a quelli di Doom”. E Facebook si becca una condanna a 500 milioni

Si chiude con una sentenza di condanna la vicenda processuale innescatasi subito dopo l’annuncio dell’exit a Facebook. Grande accusato il Cto di Oculus, che avrebbe co-fondato la startup mentre lavorava allo sviluppo di un visore della ZeniMax, il “Rift”

Zuckerberg non ne ha fatto alcun cenno, preferendo l’annuncio dei risultati finanziari del quarto trimestre 2016, ma ieri è arrivata la prima condanna per Facebook, in un’aula di Tribunale di Dallas, in Texas. L’accusa: furto di proprietà intellettuale sul progetto Oculus Rift.

Zuckerberg_oculus

Perché ZeniMax ha denunciato Facebook

La società di Palo Alto, che aveva acquistato a luglio 2014 la startup del visore di realtà virtuale per 2 miliardi di dollari, dovrà pagare un risarcimento di ben 500 milioni alla ZeniMax Media Inc., nota azienda statunitense produttrice di videogiochi. E’ tra i pionieri, per intenderci, dei cosiddetti “sparatutto”: suoi sono titoli di successo che hanno fatto la storia dei videogames come Doom e Quake.

Ai primi di gennaio, il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg aveva testimoniato di fronte alla giuria del Tribunale federale di Dallas, dicendo di non conoscere ZeniMax “neanche per nome” e bollando come “false” le rivendicazioni del produttore di videogiochi, che aveva depositato al giudice dei documenti secondo i quali la società di Zuckerberg aveva acquistato Oculus con la “piena consapevolezza” che alcuni elementi hardware e software del sensore di Vr erano stati in realtà “rubati” da un dipendente della società.

John-Carmack-Oculus-Rift

L’ex dipendente che lavorava a un visore per Doom 3

Al centro della disputa c’è John Carmack, ex ZeniMax ora Chief technology officer di Oculus, accusato di aver lavorato alla nascita della startup del giovanissimo ideatore di Oculus Rift, Palmer Luckey, mentre ancora lavorava allo sviluppo di un prototipo di visore di realtà virtuale, chiamato Rift, da utilizzare con Doom 3. Un po’ più di una coincidenza, dunque. Tant’è che, a proposito di coincidenze, l’azione è stata intentata contro Oculus a distanza di poche settimane dall’annuncio della vendita della startup a Facebook per 2 miliardi di dollari. E 2 miliardi è stato il risarcimento chiesto inizialmente dalla società di videogiochi.

Cosa dice la sentenza

Nel merito delle accuse mosse da ZeniMax, la giuria ha ritenuto Oculus colpevole di violazione del copyright, mancato rispetto di un Nda e uso improprio dei marchi Oculus, condannando i due co-founders Palmer Luckey e Brendan Iribe al pagamento, rispettivamente, di 50 milioni e 150 milioni di dollari di risarcimento. E assolto la startup di realtà virtuale da quella di furto di segreti commerciali.

«La tecnologia è il fondamento della nostra attività, e consideriamo una cosa molto seria il furto della nostra proprietà intellettuale», ha dichiarato il numero uno di ZeniMax, Robert Altman. Ma alla fine dei 2 miliardi richiesti ne sono arrivati solo un quarto: «Apprezziamo la valutazione della giuria contro gli imputati e la concessione di mezzo miliardo di dollari di danni per le gravi violazioni», ha detto l’amministratore delegato.

Mentre per Facebook arriva il commento della Coo, Sheryl Sandberg, che a proposito della condanna ha detto a Cnbc di essere «delusa per alcuni elementi della decisione», anticipando che la società sta valutando di appellarsi alla sentenza.

@aldopecora

Un Commento a ““Oculus rubò a quelli di Doom”. E Facebook si becca una condanna a 500 milioni”

  1. +++ CrowdfundingNews.IT +++

    bell’esempio davvero … vuol dire che, se hai tanti soldi, puoi rubare una cosa che vale decine di miliardi di dollari, tanto, se ti beccano, paghi solo una “multa” da due soldi (per te) e ti tieni tutto il bottino … ma, una volta, i ladri non finivano in galera? … o forse questa è la Giustizia 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion