M31 cede le quote della sua prima startup. CenterVue entra in Zignago

L’azienda (nata a Padova e con sedi in tutto il mondo) che produce dispositivi oftalmici per l’imaging della retina entra nel gruppo di Gaetano, Stefano, Nicolò, Luca Marzotto

M31, l’incubatore nato dall’iniziativa di Ruggero Frezza, ex professore universitario, ha ceduto la sua partecipazione (circa il 20%) in CenterVue, società hi-tech che produce robot diagnostici per l’oftalmologia. CenterVue entra in Zignago, gruppo riconducibile a Gaetano, Stefano, Nicolò, Luca Marzotto e agli eredi di Giannino Marzotto. «Partita da un’intuizione di alcuni soci di M31 con il sostegno di Giannino Marzotto e della stessa M31, oggi CenterVue è il campione nazionale del settore della tecnologia biomedicale per lo screening delle patologie della retina» commenta il presidente e fondatore di M31 Ruggero Frezza. «Sono orgoglioso che la famiglia Marzotto con la Zignago Holding abbia deciso di investire ulteriormente in CenterVue per trasformarla in un’impresa che si candida a divenire protagonista del settore a livello mondiale» ha aggiunto Frezza. «L’operazione si può definire come un importante successo – ha sottolineato Nicola Cosciani, amministratore delegato di M31 – CenterVue approda ad un grande gruppo industriale che ne curerà lo sviluppo. Zignago incrementa la sua quota in una società che ha terminato la fase delle sperimentazioni di prodotto e mercato. M31 cede una startup ad un valore che remunera in modo più che soddisfacente il capitale investito. Dare al mercato un segnale come questo è cosa importante per chi, come M31, opera nel settore del capitale di rischio. Questa operazione conferma come si possa mitigare il rischio negli investimenti early stage». A oggi, M31 ha investimenti in altre 8 partecipate, caratterizzate da un approccio ad alta tecnologia, dalla musica all’elettronica, alla smart mobility, alla medicina.

M31

Ruggero Frezza, presidente e founder di M31

Azienda Italiana capace di crescere e innovare

«La mia famiglia ha creduto subito nel progetto investendo già nel 2008 perché ha voluto premiare l’intraprendenza di questa società e immaginato un’azienda Italiana capace di crescere e innovare, in un settore così delicato come quello dell’oftalmologia. Intendiamo continuare a credere in questa realtà che ci sta dando soddisfazioni» ha dichiarato Luca Marzotto, amministratore delegato di Zignago Holding.

L’imaging della retina: 12 brevetti, 4 mila macchine installate

CenterVue è considerato a oggi tra i principali produttori di dispositivi oftalmici per l’imaging della retina. Distribuisce i suoi prodotti in oltre 70 paesi: negli USA è molto attiva dal 2010 la filiale CenterVue Inc. L’azienda ha depositato 12 brevetti e dedica ogni anno alla Ricerca e Sviluppo il 30% del proprio budget. Al 2015, CenterVue ha installato più di 4 mila macchine in tutto il mondo, dai paesi piú avanzati a quelli in via di sviluppo.

 

Leggi anche: L’incubatore veneto di startup manifatturiere che ha conquistato Invitalia Ventures. M31, spiegato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era