Super Bowl è record anche sui social. Tutti pazzi per i Patriots e per Lady Gaga

Nuovo appuntamento con la rubrica di Matteo Flora dedicata ai trend della rete. Ci spostiamo negli USA per analizzare l’evento sportivo più seguito dell’anno

Il 51esimo Super Bowl è stato un match da ricordare, e non solo per i touchdown di Edelman e compagni o perché per la prima volta un quarterback, Tom Brady, è riuscito a conquistare il trofeo cinque volte. Il Super Bowl di quest’anno sarà ricordato soprattutto come un evento mediatico straordinario. E’ stato il primo Super Bowl dell’era Trump (che ha visto trionfare i suoi favoriti) e il primo ad aver ricevuto un messaggio di benedizione del Papa. Non solo, è stato il Super Bowl di Lady Gaga e quello che ha registrato il record di spettatori inchiodati alla televisione e il record di budget speso per uno spot televisivo (oltre 5 milioni di dollari per 30 secondi di pubblicità).

300 droni per Lady Gaga

Lo spettacolo è iniziato con la performance della regina del pop che, durante l’halftime, ha cantato dal tetto dello stadio due canzoni simbolo della storia d’America: “God bless America” e “This Land is your land”, un classico dei movimenti di protesta, che aveva già intonato nelle ultime manifestazioni contro il bando di Trump. Poi – sostenuta da cavi di acciaio – si è calata dal cielo facendo il suo ingresso spettacolare, con 300 droni che hanno disegnato alle sue spalle una gigantesca bandiera americana. La sua performance è risultata agli occhi di molti, e anche a quelli di Hillary Clinton, come un messaggio forte e chiaro di patriottismo e richiamo all’unità.

L’analisi dell’hashtag su Twitter

E su Twitter? A parlare del match sono stati davvero in tanti e non solo in America. Anche in Italia gli appassionati hanno invaso la timeline del social con commenti, meme e foto improbabili.
Guardate l’analisi di Matteo Flora per sapere come è stato visto il fenomeno in rete e quali numeri hanno fatto risultare gli hashtag più usati.
Buona visione!

Cliccate qui per scaricare le slide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti