L’app che fa incontrare le mamme sole (lanciata da ex manager di Badoo e Deliveroo)

Si chiama Peanut: funziona come Tinder, ma invece di partner si cercano amiche. L’app è dedicata alle mamme che vogliono incontrare altre donne con figli e con interessi simili

Dal dating agli incontri tra mamme. Michelle Kennedy, la ex vice-CEO di Badoo, insieme al co-founder di Deliveroo Greg Orlowski stanno per lanciare Peanut, un’app che facilita gli incontri tra mamme sole. Dedicata a tutte le donne sole con bambini piccoli che vogliono condividere un caffè parlando di argomenti comuni mentre magari i figli giocano insieme, o che vogliono trovare un’amica quando accompagnano i piccoli alle feste di compleanno.

undefined

Profili simili per potenziali amiche

L’app sarà lanciata per iOS mercoledì 15 febbraio 2017: l’idea viene da Michelle Kennedy, che ha lavorato in Badoo per 6 anni, ma lo sviluppo è stato affidato a Orlowski, che è un genitore egli stesso. Il funzionamento è semplice: le mamme accedono all’app con il loro profilo Facebook e cercano altre mamme nelle vicinanze con interessi simili.

undefined

Come il dating, ma per mamme

Gli algoritmi delle app per incontri vengono applicate agli incontri tra mamme: l’app mostra altre donne o ragazze con profili simili. Stessi studi, amici in comune, “like” alle stesse pagine social. Funziona proprio come Tinder, usando il tipico meccanismo di “swipe” per scegliere potenziali amici, ma invece di partner si scelgono amiche. Peanut “setaccia” i contatti disponibili alla ricerca di un profilo di mamma con cui vorreste trascorrere il pranzo o che potrebbe diventare vostra amica, e magari scoprirete anche di portare i figli nella stessa scuola.

peanut_750x1334_4

Michelle Kennedy ha spiegato che l’idea le è venuta vedendo come le altre app per mamme sul mercato abbiano una user experience poco gradevole. Peanut è dedicata esclusivamente alle mamme: l’idea è di offrire un “match” tra persone con un campo comune di argomenti di cui parlare. L’app permette ad ogni profilo di identificarsi a seconda di etichette come “fashion killer” o “Single mamma”. Non è ben chiaro il business model che Peanut si intende seguire: per ora l’app verrà lanciata grazie a un finanziamento ricevuto da Julien Codorniou, Facebook executive, e dai venture NEA, Felix Capital, e Partech, ma non avrà – almeno nell’immediato – fonti di guadagno.

@carlottabalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Arriva dal vino la pelle naturale che non sfrutta gli animali

WineLeather è vegetale al cento per cento ed è ricavata dalla vinaccia. L’idea sviluppata da Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino rappresenta un’occasione di rilancio per il settore conciario italiano all’insegna della sostenibilità e del cruelty-free

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale