L’app che fa incontrare le mamme sole (lanciata da ex manager di Badoo e Deliveroo)

Si chiama Peanut: funziona come Tinder, ma invece di partner si cercano amiche. L’app è dedicata alle mamme che vogliono incontrare altre donne con figli e con interessi simili

Dal dating agli incontri tra mamme. Michelle Kennedy, la ex vice-CEO di Badoo, insieme al co-founder di Deliveroo Greg Orlowski stanno per lanciare Peanut, un’app che facilita gli incontri tra mamme sole. Dedicata a tutte le donne sole con bambini piccoli che vogliono condividere un caffè parlando di argomenti comuni mentre magari i figli giocano insieme, o che vogliono trovare un’amica quando accompagnano i piccoli alle feste di compleanno.

undefined

Profili simili per potenziali amiche

L’app sarà lanciata per iOS mercoledì 15 febbraio 2017: l’idea viene da Michelle Kennedy, che ha lavorato in Badoo per 6 anni, ma lo sviluppo è stato affidato a Orlowski, che è un genitore egli stesso. Il funzionamento è semplice: le mamme accedono all’app con il loro profilo Facebook e cercano altre mamme nelle vicinanze con interessi simili.

undefined

Come il dating, ma per mamme

Gli algoritmi delle app per incontri vengono applicate agli incontri tra mamme: l’app mostra altre donne o ragazze con profili simili. Stessi studi, amici in comune, “like” alle stesse pagine social. Funziona proprio come Tinder, usando il tipico meccanismo di “swipe” per scegliere potenziali amici, ma invece di partner si scelgono amiche. Peanut “setaccia” i contatti disponibili alla ricerca di un profilo di mamma con cui vorreste trascorrere il pranzo o che potrebbe diventare vostra amica, e magari scoprirete anche di portare i figli nella stessa scuola.

peanut_750x1334_4

Michelle Kennedy ha spiegato che l’idea le è venuta vedendo come le altre app per mamme sul mercato abbiano una user experience poco gradevole. Peanut è dedicata esclusivamente alle mamme: l’idea è di offrire un “match” tra persone con un campo comune di argomenti di cui parlare. L’app permette ad ogni profilo di identificarsi a seconda di etichette come “fashion killer” o “Single mamma”. Non è ben chiaro il business model che Peanut si intende seguire: per ora l’app verrà lanciata grazie a un finanziamento ricevuto da Julien Codorniou, Facebook executive, e dai venture NEA, Felix Capital, e Partech, ma non avrà – almeno nell’immediato – fonti di guadagno.

@carlottabalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito