L’app che fa incontrare le mamme sole (lanciata da ex manager di Badoo e Deliveroo)

Si chiama Peanut: funziona come Tinder, ma invece di partner si cercano amiche. L’app è dedicata alle mamme che vogliono incontrare altre donne con figli e con interessi simili

Dal dating agli incontri tra mamme. Michelle Kennedy, la ex vice-CEO di Badoo, insieme al co-founder di Deliveroo Greg Orlowski stanno per lanciare Peanut, un’app che facilita gli incontri tra mamme sole. Dedicata a tutte le donne sole con bambini piccoli che vogliono condividere un caffè parlando di argomenti comuni mentre magari i figli giocano insieme, o che vogliono trovare un’amica quando accompagnano i piccoli alle feste di compleanno.

undefined

Profili simili per potenziali amiche

L’app sarà lanciata per iOS mercoledì 15 febbraio 2017: l’idea viene da Michelle Kennedy, che ha lavorato in Badoo per 6 anni, ma lo sviluppo è stato affidato a Orlowski, che è un genitore egli stesso. Il funzionamento è semplice: le mamme accedono all’app con il loro profilo Facebook e cercano altre mamme nelle vicinanze con interessi simili.

undefined

Come il dating, ma per mamme

Gli algoritmi delle app per incontri vengono applicate agli incontri tra mamme: l’app mostra altre donne o ragazze con profili simili. Stessi studi, amici in comune, “like” alle stesse pagine social. Funziona proprio come Tinder, usando il tipico meccanismo di “swipe” per scegliere potenziali amici, ma invece di partner si scelgono amiche. Peanut “setaccia” i contatti disponibili alla ricerca di un profilo di mamma con cui vorreste trascorrere il pranzo o che potrebbe diventare vostra amica, e magari scoprirete anche di portare i figli nella stessa scuola.

peanut_750x1334_4

Michelle Kennedy ha spiegato che l’idea le è venuta vedendo come le altre app per mamme sul mercato abbiano una user experience poco gradevole. Peanut è dedicata esclusivamente alle mamme: l’idea è di offrire un “match” tra persone con un campo comune di argomenti di cui parlare. L’app permette ad ogni profilo di identificarsi a seconda di etichette come “fashion killer” o “Single mamma”. Non è ben chiaro il business model che Peanut si intende seguire: per ora l’app verrà lanciata grazie a un finanziamento ricevuto da Julien Codorniou, Facebook executive, e dai venture NEA, Felix Capital, e Partech, ma non avrà – almeno nell’immediato – fonti di guadagno.

@carlottabalena

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti