Vintage Wheels: primi test per la startup delle moto d’epoca. iStarter: team determinatissimo

La startup ha sviluppato una piattaforma per gli appassionati di moto d’epoca. Il progetto è accelerato a iStarter, dove ha riscosso un grande apprezzamento

Un team molto determinato e con skills complementari, questi i punti di forza che hanno colpito i selezionatori di iStarter, l’acceleratore italiano basato a Londra, che ha scelto tra i suoi progetti Vintage Wheels. Un progetto che ha ampi margini di crescita e che ha scelto di puntare subito sul mercato internazionale. Ma cosa fa Vintage WheelsAlessandro Matarazzo, 38 anni, di Roma, e Stefano Capinera hanno sviluppato uno spazio digitale per amanti delle moto d’epoca (Vespe in particolare), un luogo d’incontro dove discutere e trovare pezzi unici da comprare o vendere. Vintage Wheels si propone come una piattaforma che mira ad innovare il mercato delle Vespe d’epoca. E nelle prossime settimane effettuerà il primo test di mercato in Germania. Obiettivo dell’internazionalizzazione: portare all’estero la bellezza e il fascino antico della tradizione italiana attraverso l’energia dei nuovi mezzi di comunicazione e di nuovi imprenditori digital.

vintage wheels

Alessandro Matarazzo e Stefano Capinera, co-founder di Vintage Wheels

Passione per le moto d’epoca

Alessandro Matarazzo, dopo aver studiato economia, ha lavorato tra Roma, Milano e Londra in consulenza e finanza. Ma la sua vera passione sono da sempre le moto d’epoca. «Mi piace trovarle – ha raccontato – vederne l’opportunità, metterci tempo e passione per restaurarle. A volte riesco a staccarmene e le vendo, molte altre preferisco tenerle, le colleziono con cura nel viterbese dove ho una casa di campagna».

Garante della transazione

Tra le peculiarità di Vintage Wheels è che si fa garante della transazione: riceve il pagamento nel momento dell’ordine e lo gira al venditore solo dopo che il compratore ha ricevuto il mezzo e controllato la conformità. Una differenza sostanziale se si pensa che il mercato delle moto d’epoca è ancora oggi perlopiù “locale” e questo a causa delle possibili frodi e del forte rischio che si corre nell’inviare il proprio mezzo senza aver prima ricevuto il pagamento o, viceversa, di pagare prima di ricevere il mezzo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti