I video di Facebook presto andranno in autoplay con il volume

Bisognerà cambiare le impostazioni dei dispositivi per evitare che si senta l’audio mentre si scrollano le notizie in bacheca. Tra le altre modifiche previste, anteprime più ampie per i video verticali e la possibilità di ridurre la finestra di riproduzione in un angolo dello schermo

In fila alle poste, seduti in treno o in metropolitana, in attesa dal dottore. Scrollare sul cellulare la propria bacheca di Facebook è un’attività che riempie parecchio tempo della nostra giornata. I video postati da pagine o contatti seguiti di solito sono molti. E l’autoplay silenzioso fino a questo momento non dava fastidio agli utenti che li incontravano nel loro andare su e giù tra le notizie. Il social network di Zuckerberg ha però annunciato che presto attiverà di default il volume, obbligando i suoi iscritti a cambiare le impostazioni per evitare che tutti intorno a loro si accorgano di quale clip stanno guardando, anche se per caso.

Schermata 2017-02-15 alle 16.29.46Volume attivato automaticamente

Dal quartier generale di Palo Alto ci tengono a precisare che le modifiche arrivano comunque dopo mesi di test dai quali sono arrivati riscontri positivi da parte degli utenti. Secondo quanto riporta The Verge, l’avvio dei video con il suono non interromperà comunque la musica ascoltata su Spotify o Apple Music sul proprio dispositivo mobile. Per il vice presidente di Facebook, Dan Rose, la scelta rispetta in ogni caso le necessità dell’utente: «Se il volume sul tuo cellulare è attivo, noi di default attiverremo anche il nostro», ha detto. Gli utenti dovranno aspettarsi di sentire oltre che di vedere i contenuti, un po’ come succede quando visitano siti come YouTube.

Più attenzione ai video

Non ci sono ancora certezze sulla reazione che potranno avere gli iscritti al social network, ma Dan Rose si dice convinto che si adegueranno in fretta alla rivoluzione, come hanno fatto qualche anno fa quando fu introdotto l’autoplay muto. Lo scopo di questa iniziativa, comunque, è quello di indurre le persone a spendere molto più tempo di prima incollati ai video, contenuti sui quali la piattaforma sta investendo. Con il tempo si punta a rendere foto, testi e link una parte marginale della vita del social network che sta sempre di più cambiando la sua fisionomia e le sue funzioni proprio per agevolare la condivisione di video. Fino a questo momento, l’autoplay privato del suono aveva spinto molti a postare filmati sottotitolati per attirare l’attenzione di chi per caso si fermava a guardarli. Il che era senz’altro più impegnativo per chi li realizzava.

Le altre modifiche alla piattaforma

Altra importante modifica apportata da Facebook riguarda i video verticali. Dall’anno scorso è stata sperimentata un’anteprima più larga e ora la novità arriverà su tutti gli schermi iOS e Android. Facebook darà anche l’opportunità di continuare a guardare un video mentre si leggono altre notizie in bacheca. Sarà infatti possibile ridurre in un angolo dello schermo la finestra di riproduzione ed essere così liberi di scrollare sul social network. Sui dispositivi Android si potrà continuare a guardare il video anche dopo essere usciti dall’applicazione di Facebook. Infine, imminente è il lancio di un’applicazione per guardare i video di Facebook sulla televisione e godere quindi di uno schermo ancora più largo. Inoltre, sarà possibile salvare i contenuti a cui si è interessati e rivedere anche quelli già visti. Il tutto per dare un’esperienza di uso nuova agli utenti. Meno social, più Netflix verrebbe da dire.

Un Commento a “I video di Facebook presto andranno in autoplay con il volume”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era