Indabox entra in Poste Italiane, exit per il Club degli Investitori

Il network regionale di business angel annuncia l’exit di IndaBox, startup italiana specializzata nel ritiro dei prodotti acquistati su internet. Ad acquisire le quote Poste Italiane

Exit per il Club degli Investitori, che cede le quote a Poste Italiane di IndaBox, la startup piemontese fondata da Giovanni Riviera, Michele Calvo e Mariano Abbona, specializzata nel ritiro dei prodotti acquistati su Internet. «Il 2016 è stato un anno particolarmente importante – ha dichiarato Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli InvestitoriDirecta Plus, azienda italiana nel nostro portfolio, tra i più grandi produttori e fornitori di materiali a base grafene al mondo, lo scorso maggio è stata quotata sull’AIM di Londra, mentre a fine anno, Poste Italiane ha acquisito le quote di IndaBox. Questo conferma che il processo di screening, di selezione e di scelta degli imprenditori su cui puntare, si sta rivelando efficace».

Indabox

Da sinistra Michele Calvo e Giovanni Riviera, co-founder di Indabox

 

3.000 punti di ritiro e partnership anche con Carrefour e IP

IndaBox ha ottenuto dal Club degli Investitori un investimento complessivo pari a 415 mila euro. Un primo round risale a luglio 2013, quando IndaBox conta 92 punti di ritiro. Lavorando a contatto con i founder di IndaBox e visti i risultati ottenuti, il Club degli Investitori, nel giugno 2014, accorda un secondo round, che ha l’obiettivo di trasformare la società da startup a vera e propria azienda, mettendo le basi per imporsi come leader di mercato. Fin da subito i soci del Club degli Investitori hanno creduto nelle potenzialità di questo progetto che, in un triennio, è cresciuto fino ad espandersi su tutto il territorio nazionale, andando a colmare un vuoto logistico: IndaBox dichiara di aver superato i 3.000 punti di ritiro e di aver stretto partnership tra gli altri con Carrefour e IP, e i suoi ricavi sono cresciuti di anno su anno.

Leggi anche: 530mila euro da angel piemontesi per Indabox e Svinando: «Così diventeranno grandi»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito