Intelligenza Artificiale: le 6 startup italiane in gara per i 5 milioni dell’IBM Watson AI XPrize

Sei eccellenze italiane selezionate per il premio nato per promuovere i progetti più innovativi nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale

L’IBM Watson AI XPrize è una delle più importanti competizioni mondiali per startup e mette in palio 5 milioni di dollari per promuovere i progetti più innovativi nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale. Sono 6 le aziende italiane selezionate per partecipare, sei eccellenze grazie alle quali l’Italia ha ottenuto il secondo posto in Europa, dopo il Regno Unito per candidature ricevute e il quarto posto nel mondo, dopo Stati Uniti, Canada e Australia. La selezione delle startup è stata curata da Emilia Garito, ceo di Quantum Leap, nominata ambassador del progetto dalla Fondazione XPrize, in collaborazione con IBM Watson, con l’incarico di individuare in Italia startup appartenenti al settore dell’Intelligenza Artificiale impegnate nello sviluppo di progetti rivoluzionari per migliorare la qualità della vita, seguirle nei 3 anni della competizione internazionale, e costruire l’ecosistema nazionale dell’intelligenza artificiale del nostro Paese. L’attività svolta ha visto la struttura di Quantum Leap impegnata nella valutazione di idee progettuali innovative. Cinque mesi di convocazioni, incontri, un costante lavoro di ricerca di qualità, che ha portato alla selezione di 6 startup e alla mappatura delle competenze dell’ecosistema nazionale dell’Intelligenza Artificiale.

IBM WATSON AI XPRIZE

Le 6 startup in gara

  1. Amiko, sta trasformando la medicina respiratoria attraverso l’acquisizione e l’analisi di dati sul reale utilizzo dei farmaci. Respiro è una piattaforma di salute connessa che usa sensori, applicazioni mobile e strumenti di big data analytics per misurare l’efficacia del trattamento ed aiutare pazienti, dottori ed operatori sanitari a migliorare la qualità e gli outcome della cura. La piattaforma consentirà lo sviluppo di modelli di cura innovativi, più efficaci e maggiormente sostenibili. Mediante l’integrazione di enormi moli di dati terapeutici, comportamentali, clinici ed ambientali, renderà possibile lo sviluppo di cure personalizzate adatte a ogni singolo paziente.
  2. A.S.I.M.O.V. è un progetto nato da un team siciliano che mira allo sviluppo del processo di elaborazione del linguaggio naturale, con speciale applicazione rivolta alle persone che presentano problemi di linguaggio e capacità espressiva.
  3. BrainControl è un framework basato su Intelligenza Artificiale per l’interazione uomo-macchina attraverso bio-feedback. Una delle prime applicazioni di BrainControl consente ai pazienti con SLA o paresi di natura traumatica o ischemica, di comunicare con il mondo esterno mediante il “pensiero”, bastano un tablet e un caschetto EEG wireless.
  4. ELSE Corp – a Virtual Retail company, è una startup innovativa B2B che sta sviluppando E.L.S.E. (Exclusive Luxury Shopping Experience), una piattaforma cloud SaaS per le vendite e la distribuzione in modo Virtuale e per la produzione on demand dal cloud. E.L.S.E. è un processo che permette alla clientela di vivere una nuova esperienza di acquisto in 3D e con Realtà Virtuale, Aumentata, anche grazie all’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale per definire lo stile personale del cliente. A Gennaio 2017 ELSE Corp è stata nominata tra i partner più innovativi nel settore Retail dalla Microsoft Corp, in occasione dell’evento NRF a New York.
  5. INNAAS è una startup che aiuta le aziende enterprise a trasformare i propri servizi tramite l’Intelligenza Artificiale. INNAAS produce piattaforme AI-driven verticali per le seguenti industry: finanza, manufacturing, vendite e sport. INNAAS compete nel settore del Cognitive Computing, del Natural Language Processing e dell’Automated Decision Making. Le piattaforme sviluppate da INNAAS sono utilizzate da Banche, Telco, Media e Pubblica Amministrazione. Un esempio di prodotto sviluppato da INNAAS è SmartBots.io, la piattaforma che permette alle aziende e le organizzazioni di interagire con i clienti in modo automatico tramite conversazioni in linguaggio naturale.
  6. XSENSE è un insieme di algoritmi di Intelligenza Artificiale creati per simulare il pensiero umano nell’apprendimento e nell’analisi del linguaggio naturale. XSENSE è in grado di inventare contenuti usando la deduzione logica a prescindere dalla lingua e di instaurare conversazioni “human like” senza configurazioni preliminari. XSENSE ha più volte superato le capacità umane nel mantenimento del contesto in conversazioni complesse, anche in più lingue contemporaneamente, su qualsiasi argomento, senza workflow predefiniti.

“Negli USA 98.000 vittime di errori nelle medicazioni. L’IoT è il futuro della sanità”. Intervista a Wayne Miller (Zebra)

Nel 2016 il mercato IoT in Italia è arrivato a toccare i 2,8 miliardi di euro. Sempre di più si parla anche di soluzioni IoT nel campo della sanità, come supporto ai medici per la gestione della cura dei pazienti. Ma è necessario un piano di rinnovamento

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)