LUISS Enlabs cerca startup per il nuovo programma di accelerazione

Fino al 2 aprile 2017 è aperta la call per partecipare alla prossima edizione del Programma di Accelerazione di LUISS Enlabs

Fino al 2 aprile 2017 è aperta la call per partecipare alla prossima edizione del Programma di Accelerazione di LUISS Enlabs, l’acceleratore di startup nato dalla joint venture tra LVenture Group e l’Università LUISS. Rispondendo alla call, aperta due volte l’anno, le più promettenti startup avranno la possibilità di accedere a un percorso intensivo di 5 mesi che ha l’obiettivo di trasformare progetti nelle prime fasi di vita in aziende che fatturano sul mercato. Il programma inizia a giugno 2017 e si svolgerà negli spazi di LUISS Enlabs: 5000 metri quadrati nel cuore di Roma, all’interno dell’ala storica della Stazione Termini (via Marsala 29h). QUI per partecipare alla call. «Sono le sinergie e i contatti che nascono all’interno del nostro ecosistema a favorire la rapida crescita e il successo delle startup – ha spiegato Augusto Coppola, Direttore del programma di accelerazione di LUISS Enlabs – per avere conferma della validità del nostro modello ci basiamo sui numeri. In particolar modo, è interessante il tasso di successo in termini di startup che raccolgono nuovi investimenti dopo il programma di accelerazione: si attesta al 94%, ben al di sopra della media del 61% stimata dal Global Accelerators Network (GAN), rete dei migliori acceleratori del mondo di cui LUISS Enlabs è parte».

LUISS Enlabs

La selezione

Il processo di selezione comincia candidandosi online attraverso il sito di LUISS Enlabs entro il 2 aprile 2017. Nel mese di aprile saranno valutate le application e una prima selezione di startup parteciperà al Selection Day, un incontro il team di LUISS Enlabs e parte del Board of Advisors, e nel mese di maggio sarà effettuata la scelta finale. Per partecipare le startup devono possedere i seguenti requisiti: essere startup digitali e avere almeno un prototipo funzionante del prodotto o un’idea validata (Minimum Viable Product). Avere un team con un set completo di competenze, in particolare quelle di sviluppo tecnologico, disposto a trasferirsi a Roma per tutta la durata del programma e dedicarsi al progetto full time. Proporre una soluzione competitiva in un settore di mercato in forte crescita.

Il programma di accelerazione

Nel corso del programma di accelerazione le startup parteciperanno a seminari tematici e saranno seguite nel business development, nell’investor networking, nel management e nello sviluppo tecnologico da un team di esperti e di un Board of Advisors di oltre 50 membri di rilievo con diverse competenze settoriali. Inoltre, le startup riceveranno un investimento da parte di LVenture Group di 80mila euro, di cui 30mila cash e 50mila in servizi, a fronte di una equity del 9%.

Obiettivi sprint in 2 settimane

Sarà utilizzato il metodo Scrum: un sistema di gestione del lavoro del team volto ad accelerare la crescita dell’azienda e basato sulla definizione di obiettivi da realizzare in sprint di due settimane seguiti da “Demo Day” in cui presentare i risultati ottenuti e i dati raccolti. Dopo i primi 2 mesi, dedicati principalmente allo sviluppo del prodotto, inizierà la fase di validazione e test sul mercato. Nell’ultimo mese le startup dovranno produrre dei ricavi e prepararsi per la presentazione a investitori, corporate e stampa durante l’Investor Day, evento conclusivo del Programma che si terrà a novembre 2017.

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Airbnb vale 6,5 miliardi di euro per i ristoranti, 257 milioni a Roma

Un rapporto della piattaforma su 44 metropoli internazionali indaga l’impatto degli ospiti sulla ristorazione locale: in media spendono fra i 40 e i 100 dollari a serata, spesso nel quartiere dove alloggiano

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»