Finalmente una banca apre una linea di credito di 300K a una startup. Velasca

Intesa Sanpaolo ha firmato un finanziamento da 300K per la startup di Enrico Casati e Jacopo Sebastio. Altre risorse per crescere, dopo i 720K entrati a novembre 2016, con P101 come lead investor

Non solo venture capital. Anche le banche possono sostenere le startup. Dopo i 720K di equity entrati a novembre 2016, con P101 come lead investor, Intesa Sanpaolo ha concesso un finanziamento da 300K a Velasca, la startup di Enrico Casati e Jacopo Sebastio, che ha sviluppato una piattaforma di ecommerce di scarpe di alta qualità Made in Italy a prezzi accessibili. «Un bel segnale da parte del mercato del debito italiano nei confronti dell’innovazione e mondo startup – ha commentato Matteo Todisco, Content & Communication Manager di Velasca – questo investimento è destinato a finanziare l’incremento del nostro magazzino, a sostegno della crescita». Anche Jacopo Sebastio, co-founder di Velasca ha sottolineato come si tratti di «una linea di credito da parte di una banca, e che servirà ad incrementare il nostro magazzino. Nel piano industriale – ha aggiunto – che abbiamo presentato a novembre agli investitori era prevista anche l’apertura di una linea di credito per permetterci di finanziare il capitale circolante, e quindi di crescere». Oltre ai fondi di venture capital aggiunge ancora Sebastio «anche le banche iniziano a sostenere le startup. Un bel segnale».

Velasca

Velasca – il team

Che fa Velasca

Velasca è un marchio che produce e commercializza calzature e accessori di alta qualità Made in Italy a prezzi accessibili. Un ottimo esempio di come l’artigianato può essere esportato grazie ai  canali internet e mobile, tutto con una strategia di comunicazione digitale innovativa. Fondata nel 2013 da Enrico Casati e Jacopo SebastioVelasca nasce per rispondere all’esigenza del consumatore amante del lusso di poter calzare un pezzo unico della tradizione artigianale italiana ad un prezzo accessibile e ovunque nel mondo attraverso i canali digitali e si inserisce in un settore, quello dell’online fashion, che solo in Italia vale oltre 1,8 miliardi di euro ed ha un tasso di crescita medio annuo pari al 30%.

Leggi anche: Velasca chiude un round da 720K. Dentro P101 con 370 mila euro

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti