Trump e la fake news dell’attacco in Svezia. La reazione su Twitter è esilarante: #JeSuisIkea

Matteo Flora ha analizzato per noi l’impatto sui social del finto attacco terroristico citato da Trump

Sono più di 2milioni e 400 mila i tweet che sono stati lanciati nell’ultima settimana a proposito dell’attacco terroristico in Svezia citato dal presidente Donald Trump. Peccato che l’attentato non sia mai avvenuto.
Trump, parlando in Florida, ha detto ai suoi sostenitori entusiasti: “Dobbiamo tenere il nostro paese al sicuro. Vedete quanto sta accadendo in Germania, vedete così accaduto la scorsa notte in Svezia”. Ma che cosa era successo esattamente in Svezia?  Nulla, nessun attentato, nessun terrorista.
La reazione non si è fatta attendere e si è scatenata a suon di tweet.  L’ex primo ministro svedese Carl Bildt l’ha buttata sul ridere: “Svezia? Attentato terroristico? Cosa ha fumato? Le domande abbondano”. Poi ha ritwittato un post ironico di un altro utente che, linkando la foto di personaggi del Muppet’s Show, scrive: “BREAKING NEWS. La polizia svedese ha diffuso la foto dell’uomo ricercato per l’attacco terroristico”.
Matteo Flora nella sua analisi che propone ai lettori di StartupItalia! ha raccolto i tweet più divertenti che si sono diffusi in rete e i diversi hashtag sono stati lanciati: da #lastnightinSweden a #JeSuisIkea fino a #PrayForAbba.

Da non perdere! Buona visione e scaricate anche le slide!

 

Il sommario

I contenuti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.