La piattaforma di H-Farm per accelerare le startup del fashion (anche a New York). TheCurrent

L’acceleratore di Riccardo Donadon ha stretto un accordo con Liz Bacelar, founder di Decoded Fashion, obiettivo: portare innovazione nel mondo della moda

Una nuova piattaforma che si rivolge alle realtà leader del fashion favorendo l’adozione di soluzioni innovative, tecnologiche e digitali, attraverso attività di scouting di startup, eventi mirati e programmi di accelerazione: si chiama TheCurrent ed è il progetto di H-Farm frutto della partnership con Liz Bacelar, già fondatrice di Decoded Fashion ed esperta indiscussa di tutto ciò che concerne il mondo della moda. Grazie a TheCurrent, H-Farm si affaccia al mercato americano. Saranno 2 infatti le sedi del programma di accelerazione, una a New York e una nel campus di H-Farm, che esporterà il proprio modello di accelerazione consentendo ai grandi brand di settore di entrare in contatto con le startup più innovative d’Europa e degli Stati Uniti. Il primo programma di accelerazione prenderà il via in autunno: ciascuno della durata di 4 mesi, si svolgeranno per metà nella sede di H-Farm a pochi minuti da Venezia, per l’altra metà nella sede americana di TheCurrent, a New York. In questo modo retail e brand leader di settore potranno migliorare le loro performance grazie ad un più facile accesso a trend e tecnologie emergenti e ad un contatto diretto con i migliori innovatori al mondo, il tutto riducendo i costi di ricerca e sviluppo e aumentando al contempo le vendite grazie ad un approccio all’avanguardia. TheCurrent verrà presentata il 12 marzo in occasione del South by Southwest Festival, il festival più innovativo degli Stati Uniti che si terrà ad Austin, Texas, nel corso di una due giorni di eventi che vedranno il coinvolgimento di personaggi di spicco a livello mondiale della moda e della tecnologia.

H-Farm

Liz Bacelar, founder di Decoded Fashion credits https://about.me/lizbacelar

Sfruttare le possibilità dell’innovazione digitale

«Quella con Liz è per noi una partnership strategica che ci consente di affacciarci ad un mercato nuovo e dalle enormi potenzialità – ha dichiarato Tim O’Connell, partner di H-Farm e responsabile dei programmi di accelerazione – TheCurrent sarà una piattaforma leader del settore: vogliamo aiutare i più importanti marchi mondiali del fashion a conoscere e quindi sfruttare le possibilità che l’innovazione digitale può offrire loro per crescere e rinnovarsi».

Una guida per gli innovatori del fashion

«TheCurrent è diversa da qualsiasi realtà esistente oggi: si rivolge ad un nuovo pubblico appassionato e desideroso di innovare, ma che oggi ha bisogno più che mai di una guida – ha spiegato Liz Bacelar – sono orgogliosa di presentare la mia nuova società in occasione del SXSW: è stato a lungo la mia casa nel sistema della moda e dell’innovazione, oltre al luogo in cui ho scoperto molti dei brand con cui ho lavorato nel passato e ancora oggi».

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti