A Milano c’è un’app per organizzare (e partecipare) alle feste nelle case private

Si chiama ComeHome! ed è nata da un’idea di quattro giovani studenti: la piattaforma ha già una community di 3.500 persone, e punta a raggiungere le 30 mila entro fine anno

Una festa in casa aperta a tutti, a tutti coloro che hanno fatto la prenotazione su Internet. È questa l’idea che sta alla base di ComeHome!, la piattaforma digitale nata a Milano che permette agli utenti iscritti di ospitare, condividere e partecipare ad eventi in casa propria, oppure altrui. «Il sistema è molto semplice», racconta Daniele Chierchia, giovane ingegnere gestionale, nonché uno dei quattro fondatori di questo progetto, «perché all’interno della piattaforma ogni utente può creare il suo format personale di evento aggiungendovi una descrizione e il numero di posti disponibili. Quello che facciamo noi è solo dare la possibilità a persone con interessi simili di conoscersi partecipando alla stessa serata».

Come funziona

Una sorta di Airbnb – portale scelto, non a caso, come punto di riferimento nel settore dell’hosting per lo sviluppo futuro di ComeHome! – dell’happening che oltre alla casa mette a disposizione del cliente cene, live music, ma anche mostre d’arte e corsi di yoga, e che al momento conta su una community di 3.500 persone in forte crescita. L’obiettivo ora è raggiungere quota 30 mila iscritti a Milano entro la fine del 2017 per poi allargarsi progressivamente ad altre città italiane e, magari, anche europee. Ma per un tale sviluppo servono gli investitori giusti, disposti a credere nel progetto senza cercare di stravolgerlo. E infatti ComeHome!, in tal senso, si sta già guardando attorno. «Stiamo valutando le offerte di alcuni finanziatori dal momento che per ora il nostro piano di business non ci permette di crescere come vorremmo», prosegue Daniele. «La piattaforma prende un piccolo contributo (circa 2 euro) per ogni partecipante agli eventi, ma per invogliare i nostri utenti ad organizzarne sempre di più adesso stiamo collaborando con altre startup per inserire diversi servizi accessori che semplifichino la vita degli host… Con Easyfeel (altro progetto milanese), ad esempio, chi organizza un evento il giorno dopo può avere le pulizie di casa gratuite». Il problema principale resta ancora quello della fiducia: temendo danni o furti, infatti, non tutti sono disposti ad ospitare in casa propria degli sconosciuti.

4 Commenti a “A Milano c’è un’app per organizzare (e partecipare) alle feste nelle case private”

  1. Camilla Rossini

    Ok, interessante, ma non c’era già Situa?
    Cioè questi hanno 1.000 download e Situa credo 50.000 utenti in tutta Italia, non capisco la differenza di UVP!

  2. Michele Cesario

    Ciao Camilla! La differenza sta nel numero di eventi che effettivamente si realizzano tramite le due piattaforme e la capacità di connettere nella vita reale le persone, al di la dei loro profli digitali. Quasi ogni giorno puoi partecipare ad un evento comehome, che per ora è presente solo su Milano, dai un’occhiata 😉
    https://comehomeapp.it

  3. Brave Bear

    Scusa Camilla, ma se stai parlando della User Value Perception ti stai sbagliando di grosso !

  4. Nuvola

    Ho visionato …ottima idea …peccato solo a Milano …poi ho notato eta’ media non oltre 45 ””io 53 …perche non creare anche fasce eta ‘ superiore …una bella festa anni 80 🙂 🙂 🙂 🙂 in bocca al lupo per tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

“Vi racconto come è nato BabyinItaly, il nostro TripAdvisor per mamme e papà”

La storia della startup family-friendly raccontata dalla fondatrice, Alice Palumbo

Booking, due milioni di euro a 7 startup del turismo sostenibile

Alla call hanno partecipato quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi. Il finanziamento più importante a Backstreet Academy che ha ottenuto 400K. L’obiettivo era individuare società in grado di trovare soluzioni nel settore del turismo globale, in particolare sotto il profilo della protezione dell’ambiente

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito