BiovelocITA chiude un round da 7,25 milioni

Nuovo aumento di capitale per l’acceleratore di startup fondato da Silvano Spinelli nato per promuovere la nascita e lo sviluppo di nuove aziende biotech innovative

L’acceleratore di startup biotech BiovelocITA ha chiuso un round di investimento di 7,25 milioni di euro guidato da Banca Profilo e Banor Sim S.p.A. Questo aumento di capitale va ad aggiungersi ai 7,4 milioni di euro già raccolti negli ultimi anni dall’acceleratore di Silvano Spinelli.

Cos’è BiovelocITA

BiovelocITA riunisce scienziati, imprenditori e investitori, i migliori nel proprio settore, per promuovere la nascita e lo sviluppo di nuove aziende biotecnologiche innovative. L’acceleratore ha tra i propri founders Sofinnova Partners, operatore storico del mercato biotech internazionale e Italiano.

L’obbiettivo di BiovelocITA è di accelerare la verifica di fattibilita (proof of concept) dei progetti di ricerca più promettenti e di trasformarli in società biotech.

L’eredità di un’exit da 470 milioni

BiovelocITA è co-fondata e sarà gestita da due imprenditori italiani di comprovata esperienza, che vantano una notevole expertise: il Presidente Silvano Spinelli e l’AD Gabriella Camboni. I due manager sono stati i fondatori di EOS, società venduta nel 2013 a Clovis Oncology per 470 milioni di dollari, e, precedentemente, di Novuspharma, quotata sul Nuovo Mercato nel 2000. Sofinnova Partners ha investito in entrambe le società fin dai loro esordi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.