BiovelocITA chiude un round da 7,25 milioni

Nuovo aumento di capitale per l’acceleratore di startup fondato da Silvano Spinelli nato per promuovere la nascita e lo sviluppo di nuove aziende biotech innovative

L’acceleratore di startup biotech BiovelocITA ha chiuso un round di investimento di 7,25 milioni di euro guidato da Banca Profilo e Banor Sim S.p.A. Questo aumento di capitale va ad aggiungersi ai 7,4 milioni di euro già raccolti negli ultimi anni dall’acceleratore di Silvano Spinelli.

Cos’è BiovelocITA

BiovelocITA riunisce scienziati, imprenditori e investitori, i migliori nel proprio settore, per promuovere la nascita e lo sviluppo di nuove aziende biotecnologiche innovative. L’acceleratore ha tra i propri founders Sofinnova Partners, operatore storico del mercato biotech internazionale e Italiano.

L’obbiettivo di BiovelocITA è di accelerare la verifica di fattibilita (proof of concept) dei progetti di ricerca più promettenti e di trasformarli in società biotech.

L’eredità di un’exit da 470 milioni

BiovelocITA è co-fondata e sarà gestita da due imprenditori italiani di comprovata esperienza, che vantano una notevole expertise: il Presidente Silvano Spinelli e l’AD Gabriella Camboni. I due manager sono stati i fondatori di EOS, società venduta nel 2013 a Clovis Oncology per 470 milioni di dollari, e, precedentemente, di Novuspharma, quotata sul Nuovo Mercato nel 2000. Sofinnova Partners ha investito in entrambe le società fin dai loro esordi.

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)