Veranu chiude il primo round (in equity crowdfunding) da 184K

La startup del pavimento che genera energia elettrica mentre ci cammini sopra ha chiuso il primo round su Equinvest

Veranu ha sviluppato una soluzione innovativa a elevato valore aggiunto per la pavimentazione che converte, per effetto piezoelettrico, l’energia cinetica dei passi in energia elettrica pulita. Una soluzione che include servizi Internet of Things (IoT), di facile installazione e che si integra con ogni tipo di pavimentazione tradizionale poiché si colloca al di sotto, direttamente sul massetto, o sul pavimento già esistente, diventando invisibile agli utilizzatori. Proprio Veranu ha chiuso il primo round di investimento in equity crowdfunding promosso da Equinvest, con una raccolta in overbooking di 184 mila euro, pari più di 2 volte il capitale richiesto. La campagna di equity crowdfunding è frutto della collaborazione fra CLHUB ed Equinvest.

Veranu

Veranu – il team

Scale up del team

«Il capitale raccolto – ha spiegato Alessio Calcagni, ad di di Veranu – sarà destinato allo scale up del team, allo sviluppo della strategia di marketing, all’internazionalizzazione del brand e all’estensione del brevetto a livello globale. Il piano strategico prevede per il 2017 installazioni permanenti presso clienti internazionali che permetteranno alla società di ottimizzare il prodotto, aumentare la conoscenza sul mercato e testare le performance. L’energy harvesting, che include tutti i sistemi di raccolta di energia elettrica pulita da fonti rinnovabili – ha aggiunto – è la nuova frontiera del mercato energetico».
Giovanni Sanna, co-founder e presidente di CLHUB, ha aggiunto: «Siamo soddisfatti del continuo successo di Veranu, vincitore della nostra prima Startup Battle, che coniuga un’idea vincente con un grande e valido team. La campagna di equity crowdfunding è il frutto della collaborazione strategica fra CLHUB ed Equinvest, finalizzata a garantire un continuo supporto finanziario e di servizi per la crescita di realtà imprenditoriali innovative, e rappresenta il record sulla piattaforma in termini di rapporto tra raccolta e capitale richiesto».

…quei sensori di pressione…

L’idea di Veranu nasce nel 2012 con la tesi di laurea specialistica in ingegneria elettronica presso l’Università di Cagliari di Alessio Calcagni, che ha analizzato sensori di pressione costituiti da transistor organici a modulazione di carica con piezoelettrico. Nel 2016 ha visto l’ingresso nel capitale, e nel team in qualità di senior advisor, di Antonio Chiarello, manager con esperienza pluriennale, solide relazioni nel mondo istituzionale e competenze nel private banking e nell’asset management. Direttore Generale di Marzotto SIM da ottobre 2014 a dicembre 2016, oltre 10 anni di esperienza in UBS, nel 2010 è stato fondatore e Amministratore Delegato di Antirion SGR, attiva in ambito real estate. Dal 2015 é membro del CDA di iStarter.

Venture incubator internazionale

Clhub è un venture incubator internazionale con focus sui settori Clean, Agri, IoT e Digital. Fondato nel 2015 da Giovanni e Riccardo Sanna, ha sedi a Capoterra (Cagliari) e Santa Monica (California, USA) e uffici a Milano. È specializzato nella creazione, incubazione, investimento seed e accelerazione di startup con business model chiaro, scalabile e sostenibile. I programmi di incubazione includono servizi di mentorship, consulenza amministrativa, networking, internazionalizzazione, servizi finanziari, marketing, design e sviluppo web. È socio di Italia Startup, associazione che riunisce imprenditori, investitori, industriali, startup, enti e aziende con l’obiettivo di dare un nuovo impulso alle giovani imprese italiane.

Leggi anche: Le 10 startup green finaliste del Klimahouse Startup Award
Leggi anche: Mattonelle che producono energia se ci cammini: Veranu vince la Startup Battle di Cagliari (e 15K)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Booking, due milioni di euro a 7 startup del turismo sostenibile

Alla call hanno partecipato quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi. Il finanziamento più importante a Backstreet Academy che ha ottenuto 400K. L’obiettivo era individuare società in grado di trovare soluzioni nel settore del turismo globale, in particolare sotto il profilo della protezione dell’ambiente

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito