Wylab cerca nuove startup dello sport. Gozzi: «Mercato in forte espansione»

Fino al 24 aprile è possibile partecipare alla call di Wylab, Sports Tech Business Incubator che punta a rappresentare un centro di eccellenza per lo sviluppo e la crescita di startup attive nel settore dello sport

Individuare i progetti in grado di rivoluzionare il mondo dello sport. Questa la mission di Wylab, incubatore verticale dedicato alla startup dello sport, che lancia la Call for Applications 2017. Per rispondere c’è tempo fino al 24 aprile. Il nuovo programma ha l’obiettivo di supportare e inserire sul mercato iniziative imprenditoriali legate appunto al mondo dello sport con un elevato tasso di innovazione e tecnologia. Per sottoporre la propria proposta è necessario compilare il form QUI e descrivere idea, prodotto o servizio, team, mercato di riferimento, business plan, competitor.  «Siamo soddisfatti del lavoro svolto fino ad oggi – ha dichiarato Vittoria Gozzi, ceo di Wylab – siamo riusciti a finanziare 6 startup con la prima call e l’obiettivo di quella appena lanciata è varcare ancor di più i confini nazionali per individuare le migliori startup sport tech europee. Il mercato dello sport è in forte espansione: i club sono alla costante ricerca di nuove soluzioni tecnologiche che permettano di aumentare le performance atletiche e incrementare il fan engagement».

Wylab

La roadmap della selezione

Il comitato di selezione analizzerà le domande pervenute: le startup più interessanti saranno convocate, così, al Pitch Day durante il quale illustrare il proprio prodotto e servizio. Se anche questo step verrà superato scatterà il periodo di incubazione: quattro mesi in cui sviluppare le potenzialità del progetto, ricevere tutoring e assistenza e poter beneficiare di un finanziamento fino a 100mila euro dai Business Angels al termine del Demo Day previsto a settembre. Le startup saranno selezionate tenendo conto di cinque elementi: innovatività dell’idea, potenziale economico, team, scalabilità, business plan. Wylab è il primo Sports Tech Business Incubator in Italia che, sulla scia dell’esempio di Wyscout, punta a rappresentare un centro di eccellenza per lo sviluppo e la crescita di startup attive nel settore dello sport. È aperto dal 2016 a Chiavari. Dopo la prima Call for Applications ha supportato lo sviluppo del business di 11 startup finanziandone 6 con importi fino a 100 mila euro. Le startup incubate possono vantare ad oggi contratti e rapporti con le più importanti e note aziende Italiane nell’ambito dello sport e, in particolare, del calcio.

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia