Perchè non bisogna avere paura di raccontare la propria idea di startup

Raffaele Gaito in questo video ci racconta perché è importante condividere i propri progetti. “Quello che conta non sono le idee, ma le persone che fanno le idee”

Senza girarci troppo intorno, una delle paure più grandi di chi inizia un percorso di startup è che gli venga rubata l’idea.

Giovani o meno giovani, non fa nessuna differenza, tutti passano almeno una volta nella fase “non parlo della mia idea altrimenti me la rubano”.

Lo vedo di continuo, dagli eventi dal vivo alle discussioni online, c’è sempre qualcuno che agita lo spauracchio dell’idea rubata come scusa per non discuterne con gli altri.

Parlare della propria idea è, in realtà, il modo migliore per validarla, soprattutto in fase iniziale. Il modo migliore per avere feeedback, capirne le potenzialità, individuare eventuali punti di debolezza e così via.

In questo video racconto perché l’idea è sopravvalutata e perché non bisogna aver paura di parlarne con gli altri!

Il video

Londra: Your.MD chiude un round da 10 milioni. E ha un management tutto italiano

Nuovo aumento di capitale per la startup guidata da Matteo Berlucchi, che offre consulenza medica a mezzo bot: le nuove risorse serviranno a potenziare l’intelligenza artificiale che fornisce le risposte e ad ampliare il network di partner

Con dalmiomedico.it i medici di famiglia portano online il loro ambulatorio

La piattaforma lanciata dal Centro medico Santagostino di Milano consente di prenotare le visite con un clic verificando l’orario pubblicato dai dottori. In questo modo vengono ottimizzati i tempi e si migliora il servizio ai pazienti

Made in Italy e Lifestyle | Le due call di LUISS Enlabs. Come applicare

Fino al 25 settembre le startup possono candidarsi alla nuova edizione del Programma di Accelerazione nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. Ma c’è anche una seconda call for applications, verticale

La presidenza dell’UE passa all’Estonia | Una buona notizia per la rivoluzione digitale

Data Embassy e lega per la cyberdifesa, il Paese sul Baltico è uno dei più all’avanguardia nel rispondere alle minacce di hacker e terrorismo digitale. Il premier estone Juri Ratas: “I dati sono il prossimo carbone e acciaio”