Le 10 startup selezionate per il programma di accelerazione Booking.com Booster

Il programma di 3 settimane si terrà a giugno ad Amsterdam e culminerà nella possibilità di ottenere fondi di avviamento fino a 500 mila euro

Booking.com Booster, programma di accelerazione di Booking.com, ha scelto le 10 startup che parteciperanno a un programma di 3 settimane che si terrà a giugno ad Amsterdam e che culminerà nella possibilità di ottenere fondi di avviamento fino a 500 mila euro. L’obiettivo del programma è individuare, fornire mentorship e finanziare startup che si propongono di avere un impatto positivo nel settore del turismo globale. Le 10 startup selezionate state scelte fra quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi si sono candidate per aderire al programma. Stati Uniti, India, Olanda, Russia e Italia sono stati i Paesi in cima alla lista per il maggior numero di candidature presentate. «Siamo impressionati – ha dichiarato Gillian Tans, ceo di Booking.com – dalla straordinaria diversità e dalla qualità delle application che abbiamo ricevuto per il programma Booking.com Booster. L’incredibile passione e le idee di business realmente innovative che sono emerse dalle startup provenienti da ogni angolo del globo è stato davvero stimolante. Non vediamo l’ora – ha aggiunto – di conoscere queste 10 startup e capire come possiamo aiutarle ad accelerare i loro piani di crescita al fine di portare la loro visione di turismo sostenibile in tutto il mondo». Booking.com Booster è un’estensione dell’iniziativa Booking Cares, in cui i dipendenti dell’azienda si organizzano assieme a ONLUS o associazioni culturali locali per collaborare in progetti di miglioramento delle destinazioni in tutto il mondo. L’obiettivo di Booster è finanziare le startup che si dedicano al turismo sostenibile, in particolare alla protezione dell’ambiente, al mantenimento dei beni culturali e alla promozione di un turismo finalizzato allo sviluppo delle comunità e delle economie locali.

Le 10 startup selezionate

  1. MovingWorlds (USA e Colombia)
  2. Authenticook (India)
  3. Backstreet Academy (Singapore e Sud-Est asiatico)
  4. Visit.org (USA)
  5. Awake (Colombia)
  6. Seabin (Australia e Spagna)
  7. MEJDI Tours (Israele e Palestine)
  8. Desolenator (UK)
  9. Local Alike (Tailandia)
  10. Good Hotel (Guatemala, UK e Paesi Bassi)

In collaborazione con Impact Hub

Booking.com Booster è stato progettato in collaborazione con Impact Hub e consisterà in una serie di seminari, workshop e sessioni di coaching con esperti del settore, oltre a offrire l’opportunità unica di presentare il proprio prodotto a Booking.com ed essere selezionati per ricevere i fondi. Inoltre, dopo le 3 settimane del programma ad Amsterdam, le startup partecipanti riceveranno per diversi mesi consigli settimanali dagli sponsor di Booking.com più esperti in materia.

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari