L’app per controllare gli interruttori da smartphone. Powahome vince il Wind Startup Award

Il progetto (uscito dal programma di incubazione di Android Factory 4.0 a LUISS Enlabs) si è aggiudicato il contest per startup e idee di business promosso da Wind e l’Execution Program presso l’acceleratore romano

Powahome è un dispositivo domotico che, inserito dietro gli interruttori, li rende smart. Consente infatti di controllare a distanza luci, prese e avvolgibili attraverso un’applicazione per smartphone. Il dispositivo permette, inoltre, di integrare i sistemi di controllo vocale con il proprio impianto elettrico. Proprio Powahome è il progetto (uscito dal programma di incubazione Android Factory 4.0 di LUISS Enlabs) che si è aggiudicato il Wind Startup Award, contest per startup e idee di business promosso da Wind e organizzato sulla piattaforma digitale Wind Business Factor, (oltre 70 i progetti candidati). La premiazione si è tenuta a Roma, a LUISS Enlabs, partner del Wind Startup Award. Powahome avrà la possibilità di partecipare all’Execution Program di LUISS Enlabs: 2 mesi di pre-accelerazione all’interno. I sette team finalisti, dopo 4 settimane di training e di mentorship, nel corso dell’appuntamento finale hanno presentato il loro progetto di business a una giuria di investitori e di business angels. Il founder e ceo Powahome è Pasquale Longo. Nel team anche Federica De SanctisMichele Longo. Nel corso dell’evento, è stato anche proclamato il vincitore del Wind Green Award, altro contest, promosso su Wind Business Factor e dedicato alle idee e alle startup che si occupano di innovazione sostenibile. Zemove, il team vincitore che promuove il car sharing sostenibile e social, ha ricevuto un premio in denaro e la possibilità di entrare nel programma di incubazione di Impact Hub Milano, partner dell’iniziativa.

Leggi anche: Google ha scelto (e formato, con Enlabs) 10 startup italiane per l’Industry 4.0
Powahome

Michele e Pasquale Longo con Federica De Sanctis: il team di Powahome

Pronti per l’execution program

«Siamo davvero orgogliosi di aver avuto questo riconoscimento – hanno dichiarato i tre del team di Powahome – sono stati mesi di lavoro intenso, che ci hanno permesso di crescere professionalmente e, per questo, ringraziamo il percorso che Wind Business Factor ci ha consentito di intraprendere e i nostri mentor che ci hanno seguito e ci hanno “bastonato” quando sbagliavamo. Ora siamo pronti per l’execution program di LUISS Enlabs».

La sostenibilità ambientale come faro

Per i ragazzi di Zemove «essere arrivati fino al gradino più alto dei Wind Green Awards ci rende orgogliosi e ancora più decisi a proseguire questo meraviglioso viaggio. Zemove – hanno spiegato – è una startup giovane che ha come faro la sostenibilità ambientale e la condivisione di esperienze tra persone, attraverso un modo innovativo di muoversi in città. Questo riconoscimento è un ulteriore passo verso il futuro della mobilità sostenibile da noi immaginato, un futuro in cui è possibile collegare persone a luoghi con auto condivise, il tutto a Zero Emissioni. Siamo felici di aver ricevuto questo premio da Wind Business Factor e Impact Hub – hanno aggiunto – perché crediamo che i nostri valori siano coerenti con le idee che queste due grandi realtà portano avanti.I prossimi mesi di lavoro congiunto ci permetteranno di acquisire ulteriori competenze: siamo convinti che il team di Zemove abbia le basi per rivoluzionare la mobilità urbana».

Jobot, il robot da trasporto italiano che sa lavorare in gruppo

Si orienta in ambienti complessi, comunica con gli altri mezzi della flotta e aiuta i lavoratori aumentandone la produttività: ecco le potenzialità del progetto frutto della collaborazione tra Centro Piaggio, Unipi e la startup Eutronica