PubCoder chiude un round di 200K con 2 investitori cinesi

Aumento di capitale per la startup partecipata da H-Farm. Nell’operazione due imprenditori cinesi attivi nel software e nell’education

PubCoder ha chiuso un nuovo aumento di capitale di 200 mila euro. La startup, partecipata da H-Farm, ha sviluppato un software editoriale che consente a chiunque la costruzione di contenuti digitali complessi, La quota detenuta da H-Farm dopo l’aumento di capitale è pari al 13,87% a fronte di un investimento iniziale di 170.500 euro. A rendere possibile l’operazione è stato un club deal composto da due imprenditori cinesi che operano nell’ambito del software e dell’education. I nuovi fondi verranno utilizzati da PubCoder per investire nel processo di internazionalizzazione in corso verso il mercato cinese. PubCoder è la prima startup a chiudere un round di finanziamento grazie al Marco Polo Program lanciato da H-Farm a novembre 2017. L’obiettivo del programma di accelerazione è consentire a startup innovative di fare breccia con il loro business in un mercato complesso come quello cinese, potendo contare sul supporto di QWOS, tra i principali brand in Cina che opera come intermediario di investimenti all’estero. 

Leggi anche: H-Farm lancia un programma di accelerazione per startup che puntano al mercato cinese
Leggi anche: L’app che illustra le parole per insegnare le lingue ai bimbi migranti

PubCoder

Riconosciuta la nostra vocazione internazionale

«Siamo felici – ha dichiarato Paolo Giovine, co-founder e chairman di PubCoder – che la nostra strategia sia condivisa da investitori così distanti geograficamente, hanno riconosciuto il valore e la vocazione internazionale del nostro software. Il loro sostegno ci consente di consolidare il nostro posizionamento internazionale in un ambito rilevante come quello dell’education, settore in cui H-Farm, nostro primo investitore sta investendo molto favorendo così l’intero settore italiano dell’innovazione al servizio della scuola. Ringraziamo – ha aggiunto – il team di QWOS, che ci ha supportato nel dialogo con gli investitori cinesi e ci accompagnerà nel nostro imminente road show in Cina».

Le migliori tecnologie per il mercato cinese

«Siamo contenti che sia andata a buon fine l’operazione d’investimento in PubCoder da parte di investors cinesi attenti ad individuare le migliori tecnologie da importare e sviluppare nel loro mercato – ha spiegato Maurizio Rossi, co-founder di H-Farm, è la dimostrazione che iniziative italiane di qualità e valore possono fare breccia in un contesto internazionale. Siamo molto motivati sia per il futuro PubCoder che per altre iniziative che potranno crescere nel mercato cinese». Fanno sapere poi da Qwos. «PubCoder è la prima dimostrazione di come la collaborazione tra H-Farm e QWOS consenta alle startup italiane di muovere i primi passi sui mercati internazionali. Siamo molto soddisfatti di questo primo successo e continueremo a lavorare per creare ulteriori ponti tra la Cina e l’Italia».

Che fa PubCoder

PubCoder consente a editori, professionisti creativi, studenti e insegnanti di creare e pubblicare contenuti digitali interattivi e accessibili. L’obiettivo è diventare la piattaforma di riferimento per tutti i creatori di contenuti, un link tra creativi, editori, insegnanti e studenti, così da favorire il processo di trasformazione digitale dei supporti alla didattica.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti