Le 5 startup dell’Investor Day a Enlabs

5 progetti dell’ultimo programma di accelerazione presenteranno i propri risultati ad una platea di investitori, aziende e stampa

L’11 maggio appuntamento a Roma in via Marsala 29/h con il nuovo Investor Day di LUISS EnlabsDopo 5 mesi di lavoro, le migliori startup dell’ultimo batch del programma di accelerazione hanno l’opportunità di presentare con un pitch di 5 minuti il proprio lavoro ed i risultati raggiunti ad un pubblico di potenziali investitori, business angel, aziende e stampa. Dopo i saluti di benvenuto di Luigi Capello, ad di LVenture Group, e l’introduzione di Augusto Coppola, Direttore del Programma di Accelerazione, sul palco salirà uno speaker d’eccezione, Maximo Ibarra, Amministratore delegato di Wind Tre, storico partner di LUISS Enlabs, per un’intervista moderata da Federico Fubini, vicedirettore del Corriere della Sera. Inoltre, grazie alla collaborazione con HITalk, il format nato per ispirare, riflettere e motivare attraverso il racconto del percorso personale e professionale di eccellenze italiane, questa edizione dell’Investor Day sarà arricchita da altre 2 testimonianze: quella di Armando Biondi, co-founder di AdEspresso, la startup del digital advertising  con sede a San Francisco e il cuore operativo in Italia, anche in LUISS Enlabs, recentemente acquisita dal colosso canadese Hootsuite con una exit tra le più importanti degli ultimi 5 anni in Italia, e quella di Salvatore Aranzulla, guru del web e fondatore di Aranzulla.it, uno dei 30 siti più visitati in Italia.

Leggi anche: Dall’editoria al food, cosa fanno le 5 startup presentate all’Investor Day a LUISS Enlabs

Enlabs

Le 5 startup

Big Profiles, un SAAS di Customer Intelligence che identifica informazioni su una specifica persona, sparse su fonti esterne.

2Hire, dispositivo hardware che permette di controllare qualsiasi veicolo da app.

Playwood, un sistema d’arredo sviluppato attraverso piccoli connettori per l’allestimento di spazi temporanei.

DiveCircle, piattaforma online dedicata ai viaggi e alle esperienze sub.

Medyx, un’applicazione che ricorda ai pazienti i farmaci ed il relativo dosaggio tramite alert che vengono inviati sul telefono fisso o cellulare tramite SMS, chiamate vocali e notifiche WhatsApp.

I numeri

Dal 2013 ad oggi, LUISS Enlabs ed LVenture Group hanno analizzato più di 3 mila progetti internazionali, supportato la crescita di oltre 45 startup, che hanno raccolto circa 28 milioni di euro. Ben 9 startup su 10 presentate durante gli Investor Day di LUISS Enlabs, chiudono con successo il programma di accelerazione e raggiungono l’obiettivo di raccogliere un successivo round di investimento.

 

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti