Beauty, Uala si prende la maggioranza della startup spagnola Bucmi

La startup di Alessandro Bruzzi acquisisce la maggioranza dell’analogo progetto spagnolo. Obiettivo? Un’unica piattaforma per la prenotazione online di trattamenti di bellezza e benessere, che riunisca tre mercati

Uala ha acquisito la maggioranza di Bucmi, dopo aver guidato un nuovo round di investimenti nell’azienda spagnola. Uala è una startup che ha sviluppato una piattaforma per la prenotazione online trattamenti di bellezza e benessere. Anche Bucmi, è una startup. Fondata nel 2012 da Pablo Lago e Javier Garcia de la Calera, con sede a Madrid, opera in Spagna e Portogallo, dove è presente con una piattaforma per la prenotazione online di saloni di bellezza e centri benessere. Il fondo spagnolo Onza Venture Capital, finanziatore di Bucmi già dal 2014, ha sostenuto Uala nel nuovo round di investimenti. Per finanziare la propria crescita, nel 2015 Uala ha ricevuto un finanziamento da 5 milioni di euro da Immobiliare.it.

Leggi anche: «Con una cena in trattoria ho convinto Immobiliare.it a investire 5 milioni nella mia startup»

Ora una piattaforma comune per i 3 mercati

«Il mercato dell’hair styling e dei saloni di bellezza in Spagna e Portogallo vale 3,6 miliardi di euro – ha spiegato Alessandro Bruzzi, co-founder e ceo di Uala – con oltre 3.700 saloni già presenti sul sito, Bucmi è riuscito a posizionarsi come un marchio molto popolare in Spagna, grazie ai suoi investimenti strategici nel marketing. Adesso – ha aggiunto – abbiamo intenzione di lavorare allo sviluppo di una piattaforma comune per i tre mercati. Le startup che operano nel mondo del beauty, compresa Uala, hanno cominciato a lanciare i loro servizi a partire da cinque anni fa – ha proseguito – oggi, grazie a nuove tecnologie e importanti investimenti nel marketing, questo settore sta vivendo una fase di consolidamento. Siamo convinti che quella di trasformare il modo in cui le persone prenotano parrucchieri e centri estetici sia una grande opportunità e siamo decisi a fare del nostro meglio per accelerare questo cambiamento».

Grandi possibilità di innovazione

«Siamo molto felici di poter unire le nostre forze a quelle di Uala, un’azienda che in poco tempo è riuscita a crescere e diventare leader nel settore in Italia – ha aggiunto Pablo Lago, co-founder e ceo di Bucmi – nello scorso anno il volume d’affari complessivo di entrambe le aziende ha superato gli 8 milioni di euro. Condividiamo con Uala la stessa visione sul potenziale del mercato delle prenotazioni online e siamo convinti di avere grandi possibilità di innovazione ancora da esplorare». Per l’altro co-founder Javier Garcia de la Calera «Uala è stata in grado di sviluppare una tecnologia che potrà sicuramente contribuire anche alla nostra crescita. Siamo molto entusiasti di portarla e utilizzarla, insieme al supporto e al know-how del team italiano, nei mercati in cui opera Bucmi». Pablo Lago continuerà a guidare Bucmi insieme al cofondatore Javier. La piattaforma tecnologica per la ricerca e la prenotazione dei saloni sarà gradualmente integrata a quella di Uala, per servire allo stesso modo tutti i saloni e i centri benessere dei tre Paesi.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti