Transactionale chiude un round di 330K con Barcamper Ventures

Prima operazione per il fondo, che investe in una soluzione che consente a chi fa commercio elettronico di migliorare la propria offerta, acquisire nuovi clienti e crescere più rapidamente

Barcamper Ventures chiude il primo round di investimento in Transactionale, sottoscrivendo un aumento di capitale di 330mila euro nella società. La startup, basata a Bologna e Bari, lanciata da Marianna Chillau nel 2016, completa il seed round a conclusione del programma di accelerazione Barcamper di dpixelTransactionale ha partecipato alla prima classe del programma Barcamper Garage di Bologna, il percorso di accelerazione di tre mesi sviluppato e gestito da dpixel. In questo periodo ha potuto validare la propria tecnologia ed approccio al mercato, crescendo notevolmente la rete di partner e clienti in Italia. Sempre Barcamper Garage di dpixel ha lanciato la nuova call di scouting per il programma di accelerazione  alla ricerca di nuove startup su cui investire. La selezione si concluderà entro giugno 2017 e la seconda classe di accelerazione partirà a inizio settembre.

Transactionale

Transactionale – Il team

Grande capacità di esecuzione, un’offerta chiara e un modello di business funzionante

«Ho avuto modo di conoscere il team di Transactionale nel programma di accelerazione di Bologna – ha dichiarato Gianluca Dettori, Partner di Barcamper Ventures e Presidente di Primomiglio SGR – i fondatori e il team al completo hanno dimostrato di avere una grande capacità di esecuzione, un’offerta chiara e un modello di business funzionante: un marketplace in cui si crea un effetto win-win per tutti i partecipanti. L’offerta di Transactionale è molto apprezzata dagli utenti finali che in questo modo riescono ad ottenere sconti e promozioni su prodotti e servizi di loro interesse ed è molto utile per i merchant che possono così acquisire nuovi clienti online allargando il proprio business».

Investire sul prodotto e la tecnologia

«Il nostro mercato di riferimento è composto da oltre 750.000 operatori di commercio elettronico solamente in Europa – ha spiegato Marianna Chillau, founder e ceo di Transactionale – l’obiettivo che vogliamo raggiungere con questo primo investimento è quello di investire sul prodotto e la tecnologia accelerando la penetrazione del mercato Italiano per poi lanciare i primi test di internazionalizzazione. Il budget sarà principalmente destinato a tecnologia, marketing e nuove risorse specializzate». Ha aggiunto Chillau: «Abbiamo seguito il programma di accelerazione a Bologna e ho avuto modo di lavorare con il team Barcamper Ventures e dpixel e ritengo  che, averli a bordo, non è solo motivo di orgoglio ma soprattutto è opportunità di crescita sia in termini di sviluppo prodotto e competenze che di contatti e crescita del business, elementi essenziali per il successo della nostra azienda».

Cross-marketing network

Marianna Chillau e il suo team hanno sviluppato un cross-marketing network che consente a chi opera nel commercio elettronico di acquisire nuovi clienti e valorizzare la propria base utenti offrendo loro un servizio ad alto valore aggiunto. Grazie alla piattaforma tecnologica proprietaria, Transactionale è in grado di inserire coupon promozionali targhettizzati associati al messaggio di conferma dell’acquisto su un sito di ecommerce. In questo modo il merchant può valorizzare la sua base utenti e utilizzare i ricavi aggiuntivi generati per inserire i propri coupon promozionali su altri siti non in concorrenza con il proprio, acquisendo così nuovi clienti. Grazie alla propria tecnologia di intelligenza artificiale, Transactionale riesce a connettere le offerte promozionali disponibili dai merchant del network con le caratteristiche e preferenze dei clienti. È una soluzione che di fatto consente a chi fa commercio elettronico di migliorare la propria offerta, acquisire nuovi clienti e crescere più rapidamente.

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina