immagine-preview

Mag 17, 2017

La call di iStarter per Made in Italy 2.0.2.0 Beijing Edition | Video

Antonio Chiarello, MD italiano di iStarter, con un video in anteprima su StartupItalia!, lancia Made in Italy 2.0.2.0 Beijing Edition appuntamento che vuole connettere i migliori imprenditori digitali italiani con investitori internazionali

Dopo Westminster, iStarterl’acceleratore basato a Londra che sostiene le startup Made in Italy che vogliono crescere nel Mondo, indica una nuova direzione. Il dito punta in Cina. Pechino per la precisione, a ottobre, è infatti la nuova tappa del tour di Made in Italy 2.0.2.0. A lanciare ufficialmente la call è Antonio Chiarello, MD italiano di iStarter, con un video in anteprima su StartupItalia! QUI per applicare. La deadline é il 15 giugno.

I requisiti per partecipare

Made in Italy 2.0.2.0 Beijing Edition è  l’appuntamento promosso da iStarter per connettere i migliori imprenditori digitali italiani con investitori internazionali. Seconda data dopo il successo della prima tappa a Londra dove, nel parlamento inglese, 10 selezionate startup hanno rappresentato il meglio del digitale agli occhi degli investitori della City. Possono partecipare startup digitali con: key founders italiani, più di 500 mila euro raccolti, potenziale di crescita esponenziale, più di 500 mila euro di fatturato atteso nel 2017.

iStarter

A Westminster la prima tappa di Made in Italy 2.0.2.0, il tour internazionale di iStarter

Prima tappa, Westminster

Il 10 aprile a Westminster 10 startup selezionate hanno avuto la possibilità di presentare le loro aziende e i progetti per il futuro di fronte a un pubblico di 250 persone tra investitori, nazionali ed internazionali, Equity Partner di iStarter e rappresentanti dei più importanti fondi di investimento inglesi ed europei. Supporter dell’appuntamento è stata la parlamentare inglese Tania Mathias, alla quale si è unito Robert Courts, membro del Parlamento inglese. «Questo evento – hanno spiegato Tania Mathias e Robert Courts – è il nostro piccolo contributo per dimostrare che il rapporto tra Italia e Regno Unito è solido come non mai. Da esponenti del Parlamento Inglese affrontiamo insieme con fiducia questo momento di incertezza legato al risultato del voto sulla Brexit».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter